Jentrade / Vocabolario /Norme Ortografiche
Jentrade
Vocabolario
Avvertenze
 

Norme ortografiche della Grafia Faggin-Nazzi
Estratto da:
Gianni Nazzi, Vocabolario Italiano - Friulano Friulano - Italiano,
Clape Culturâl Acuilee - Designgraf s.r.l., Udine 2003

Vengono qui esposte soltanto le particolaritą ortografiche che si discostano dall'italiano. Per tutte le questioni di dettaglio si veda il Vocabolario della lingua friulana di Giorgio Faggin.

1. Accento grave

Č segnato non soltanto sulla vocale finale delle parole tronche (come in italiano), ma anche sulle vocali toniche delle sdrucciole. Es.: sąbide (sabato), fčmine (donna), cņcule (noce). Inoltre su una serie di voci verbali altrimenti omografe, nelle quali l'accento serve ad indicare la prima persona del plurale: si confronti la forma accentata si lavģn (ci laviamo) con quella non accentata si lavin (si lavano), analogamente: si lavąvin (ci lavavamo) e si lavavin (si lavavano), si lavąrin (ci lavammo) e si lavarin (si lavarono), che si lavąssin (che ci lavassimo) e che si lavassin (che si lavassero), si lavarčssin (ci laveremmo) e si lavaressin (si laverebbero). Nelle parole terminanti in -ie, l'accento č segnato soltanto quando la i č tonica: furmģe (formica), massarģe (stoviglie); se la i č atona, la parola non porta accento: glesie (chiesa), massarie (donna di servizio). Nel caso di due monosillabi omofoni, l'accento grafico su uno di essi assume valore distintivo: a (a) e ą (ha), la (la) e lą (lą), ju (li) e jł (gił).

2. Accento circonflesso

L'accento circonflesso indica vocale tonica lunga: čhantā (cantare), rźt (rete), fīl (filo), amōr (amore), cūr (cuore). Caratterizza l'infinito e il participio passato di quasi tutti i verbi: fevelā (parlare), tasź (tacere), capī (capire), fevelāt (parlato), tasūt (taciuto), glotūt (inghiottito), capīt (capito). Parecchie coppie di monosillabi hanno l'uno la vocale lunga, l'altro breve: pās (pace) e pas (passo), lāt (andato, lago) e lat (latte), mīl (miele) e mil (mille), brūt (nuora) e brut (brutto), ecc.

3. La pipa

La pipa č un segno diacritico, proprio di alcune lingue slave, la cui opportunitą d'impiego per il friulano venne indicata nel 1952 da Giuseppe Marchetti nei suoi Lineamenti di grammatica friulana. La si trova sopra le consonanti c, g, s. - La č rappresenta il suono dolce (palatale) della c davanti alle vocali a, o, u e in fine di parola: čate (zampa), čore (cornacchia), čuč (formaggio). - La ğ rappresenta il suono dolce (palatale) della g davanti alle vocali a, o, u: ğāl (giallo), ğoventūt (gioventł), ğūc (gioco). - La s rende il suono del digramma sc nella parola italiana "scena". La si puņ trovare davanti a tutte le vocali e in fine di parola, sia in prette parole friulane - come busā (baciare), mesedā (mescolare), curtis (coltello), sia in parole di origina colta, quali sene (scena), setic (scettico), lasīv (lascivo).

4. Le postpalatali

Gią chiamate "prepalatali", le postpalatali rappresentano fonemi tra i pił tipici del friulano standard. La grafia del vocabolario indica questi fonemi per mezzo dei digrammi čh e ğh. - Il digramma čh si puņ trovare davanti a tutte le vocali e in fine di parola: čhan (cane), ančhe (anche), čhice (cagna), čholi (prendere), čhučh (ciuccio). - Il digramma ğh si puņ trovare davanti a tutte le vocali: ğhat (gatto), lunğhe (lunga), ğholdi (godere), inğhustri (inchiostro).

5. La j

La lettera j, che indica j semiconsonante, si puņ trovare all'inizio di parola davanti a vocale o in corpo di parola tra due vocali: jerbe (erba), joibe (giovedģ), ğujā (giocare), prejere (preghiera). In fine di parola č usata soltanto per indicare il plurale dei nomi maschili che finiscono in l e li: māj (da māl), pāj (da pāl), agnuj (da agnul), vōj (da voli). Il digramma lj va pronunciato come il nesso gli nella parola italiana "aglio": butilje (bottiglia), deraljā (deragliare), bersaljīr (bersagliere), biljet (biglietto). Questa particolare grafia č giustificata dal fatto che in friulano il digramma gl viene sempre pronunciato come nella parola italiana "glicine": glicinie (glicine), glīr (ghiro).

6. S sorda e sonora (spiranti dentali)

Il suono sordo (aspro) della s tra due vocali č indicato dal raddoppiamento della consonante. In parole come masse (troppo), gruesse (grossa), musse (asina), la s non si pronuncia doppia (come avverrebbe in italiano), ma come una semplice sorda (aspra). La s iniziale, seguita da vocale, nelle poche parole in cui si pronuncia sonora (dolce), viene scritta 's: 'save (rospo), 'siminā (brulicare), 'Sese (Teresina), 'Sef (Beppe).

7. Z sorda e sonora (affricate dentali)

Anche in friulano la z puņ avere, come in italiano, suono sordo (aspro) o sonoro (dolce). A differenza dell'italiano, essa non viene raddoppiata nella scrittura. Quale esempio della doppia pronuncia della z friulana, possiamo indicare la parola organizazion (organizzazione), nella quale la prima z č dolce, la seconda aspra.

Vocali

a - la, lą, mari, sąbide, amģ, lunari, sotan
ā - lā, lāt, ansā, čhalā, citāt, mār, etāt, rās
e - jessi, predi, presi, ğhespe, fren, miserie, ristiel
e - chel, chest, fete, sec, sede, sere, stele, tele, vene
ź - nźv, grźc, vźr, podź, bźč, frźd, mźs, jź
ź - fźr, fiźr, guviźr, Unviźr, infiźr
i - mil, crodi, viodi, ģsule, pretindi, int, lavri
ī - mīl, īr, gīr, tīr, capī, capīt, sintī, paradīs
o - očhe, robe, rose, sold, volte, paron
o - bočhe, code, cori, gole, mond, ore, rot, sot, sglonf
ō - ōr, colōr, amōr, pitōr, lōv, vōs, pōre, atōr
ō - cōr, fōr, tōr, intōr, atōr
u - brut, un, lune, union, nulōr, pasude, muini, jeur, Ursule
ū - brūt, ūs, ūv, cūr, mūr, sūr, tasūt, ğoventūt, sclavitūt

Semiconsonanti

j - jet, jude, Jacum, Josef, tajā, nuje

Consonanti

b - barbe, blanc, bon, robe, sbrendul, gabane
b (in fine di parola) - plomb, stramb, bomb, vierb, avierb
c - casse, carton, tacā, scac, pac, tic, folc, roc, crodi, colač, cubie
c (+ e, i) - cene, cere, ceremonie, cerneli, clarece, poce, cīl, cirī
ch - che, chčlare, chel, chi, chinźs, chiromanzģe
č - čavate, tačā, čondar, čore, linč, poč, čuc, čus, crņčule
čh - čhamp, čhatā, vačhe, ančhe, ančhemņ, čhģcare, dučh, sčhampā
čs (in fine di parola) - bračs, ričs, počs, bearčs, capričs, capučs,
d - daman, doman, radā, lņdule, lodre, Sierade
d (in fine di parola) - cuand, band, tarond, balord, fraid, laud, insźd
f - facil, patafā, amorf, ruf, rufian, barafuse, sismograf
g - galantomp, regalā, golōs, glīr, gruse, gust, gustā, sglonf
g (in fine di parola) - larg, lung, sang, intrģg, strolig, fong
g (+ e, i) - genoli, gerv, gilugne, gīr, lņgiche
gh - ghet, ghigne, ghirbe, losanghe
ğ - ğāl, ğovin, ğocul, ğūc, ğujā, ğupet, inğojā
ğ (in fine di parola) - bronğ, Ğorğ, lengağ, viağ, laveğ, brigantağ
ğh - ğhambe, ğhat, ğhal, manğhā, lunğhe, cunğhņ, ğhonde, inğhustri
ğs (in fine di parola) - paisağs, viağs, mieğs, lengağs
gn - gnągnare, agne, agnul, grignel, gno, gnot, gnotul, gnove, gnūv
l - lari, pāl, calā, lenghe, leopard, lčtare, lime, liturgģe, lłsigne
lj - artiljarģe, artiljarist, butilje, deraljā, biljard, spumilje, gariljon
m - mari, doman, dam, salam, lium, flum, fum, Atom
m - imbarčhā, bampā, amp, ampassāt, sčhampā, triomf
n - nās, nemģ, nīd, nole, noglār, nūl, nucleār, dineā
n - bon, ton, prin, ultin, vinčh, ančhe
nn - inneā, inniņ, inniment, innņmine, domandannus
p - pari, pericul, pilot, polvar, clap, lisp, colp, plomb
q - quid, quondam
r - rār, rem, brene, fźr, ridi, tīr, robā, fōr, ruzā, fūr
s - savź, suturni, stele, grīs, ros, ruspiōs, contāsal, discentrā, siscent
s - rose, čhase, disore, parsore, sbisiā, sdenteāt, sgrisulač, srarī
ss - lassā, rosse, scusse, rassģn, casson, lassł
's - 'save, 'Sef, 'siminā, 'siminari, 'suf
s - busā, fas, sene, pes, sivīl, lasit, incresi, curtis, jesude, patus
t - taule, tenis, timp, tōr, rot, got, tu, turisim, Vierte
v - valōr, vās, svant, vele, vene, vieli, vin, vivi, vore, vueit
v (in fine di parola) - brāv, clāv, trāv, nāv, nźv, vīv, lōv, ūv
z - raze, zicā, ziruc, zucar, fonz
z - zardģn, organizā, zete, ruze, zig-zag, ruzinā, zornade, zornāl