Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

CARLEVARIIS Luca
pittore, incisore, acquafortista, matematico (Udine 20.1.1663 - Venezia 12.2.1729). Ha il merito di iniziare a Venezia la pittura di vedute, memore della lezione vanvitelliana appresa a Roma. La sua opera maggiore, Le fabbriche e vedute di Venetia, pone i presupposti della grande vedutistica veneziana. Insegnò l'uso della camera oscura al discepolo Canaletto. Alla nativa Udine rese omaggio con una splendida “Veduta di Piazza Contarena”.La figlia Marianna, pastellista, è pure nota.



Cfr.: Mar. 951; DBI XX, 146-148; KLV, 604; A. B., La vita e l'opera di L. C., PAN VIII, 1931 (pp. 197-203); F. Mauroner, L. C., Venezia 1931; L. C., “Avanti cul brun!” 1962; A. Rizzi, Disegni, incisioni e bozzetti del C., Udine 1963; A.Rizzi, Un maestro della vedutistica, “Il Friuli” 1.2.1963; A. Rizzi, Giungeranno da tutto il mondo le opere di L.C., MV4.2.1963; F. Monai, Retrospettiva a Udine. L. C., IN XVI, 1964; A. Rizzi, L. C., Venezia 1967; A. Cantoni, Il friulano L. C. padre del vedutismo veneziano, SN I, 1968; G.Mesirca, Il cani del C., MV 9.8.1976; V. Rossitti, Dizionario degli incisori friulani, Udine 1981; G. Bergamini, Arte del Settecento in Friuli. L. C., “Agenda friulana” 1981; I. Reale, In margine alle origini del vedutismo veneto: L. C. e la macchietta, “Arte in Friuli. Arte a Trieste” V-VI, 1982; Una veduta su C., MV 21.9.1994; F.Castellani, Veduta in chiaroscuro per C., “Avvenire” 18.10.1994; I.Reale - D.Succi, L.C., Milano 1994; V.Crespi Morbio, Bravo C., ma Canaletto, “Il giorno” 19.10.1994; M.De Stefano, C.maestro nell'arte, VC 22.10.1994; C.Strinati, Il nemico di Canaletto, “La repubblica” 25.10.1994; G.Pauletto, L.C.: un friulano all'origine del vedutismo veneziano, “Il momento” dicembre 1995; I.Reale, È l'ora del C., MV5.12.1995.
Indietro