Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

ZANNIER Domenico
sacerdote, insegnante, poeta, scrittore, traduttore, pubblicista, critico letterario e d'arte (n. Pontebba 31.8.1930). È stato ordinato nel 1956. A diciannove anni ha esordito come scrittore sul periodico “Patrie dal Friûl”. Nel 1952 ha fondato la Scuele libare furlane, istituzione che ha diffuso l'insegnamento della lingua e della cultura friulana e pubblicato il periodico “Scune furlane”. Nel '67, con M. Argante e G. Zof, ha curato la pubblicazione dell'antologia-manifesto La cjarande. Ha ideato e organizzato il Festival della canzone friulana moderna (1959), la Sagra della villotta (1963) e la Sagra del canto cristiano friulano (1963). Dal '75 al '76 ha diretto “La vita cattolica”. Ha al suo attivo parecchie opere tra cui una quadrilogia epico-narrativa di quasi trentamila versi. È anche autore di una silloge in spagnolo pubblicata a Udine nel 1995 e poi tradotta e pubblicata in rumeno a Clusium. Nel '79 gli è stato conferito il premio Nadâl furlan, nell'80 il premio internazionale del centro italiano arte e cultura e il Campidoglio d'oro dell'accademia Jakob Burckhardt, nell'88 il premio L'Angelo del Castello, nell'89 il Friûl Aquila d'oro. Negli anni 1986 e '87 è stata presentata la sua candidatura al premio Nobel per la letteratura dall'Istituto di filologia romanza dell'Università di Salisburgo e da quello di letteratura comparata dell'Università di Innsbruck.

Bibl.: Tal gorc dal soreli (versi), Udine 1968; De bande de vite (versi), Udine 1969; L'ancure te Natisse, Udin 1972; Il medili di fûc (dramma storico) Udin-Gurizze-Pordenon 1974; I dîs dai ciclamins (Les culines palides - Furlanie di cîl), Buje 1976; La crete che no vai (romanzo), Udin 1977; L'ore dal omp (versi), Udin 1977; D. Z. - G. Zof, Tradizioni artigiane in Friuli, Udine 1978; Jerusalem, “Majano nuova” 1979; Fevelade a Diu (poemetto mistico), Udine 1979; Il commento di Matta a “La Araucana”, “Majano nuova” 1980; Le tradizioni popolari del Friuli-V.G., ”Majano nuova” 1980; I dumblis patriarcâi (versi), Udin 1982; La spade divine (oratorio in versi), “Majano nuova” 1987; Cuintricjant celest (versi), s. l. e s. a., ma 1990; I drams lirics (drammi in verso), Buia 1990; Memoria longobarda, Pasche longobarde e Mandi, Bibi, “Majano nuova” 1990; Pastorâls di Nadâl (versi), San Giovanni al Natisone 1991; Friulano e lingue neolatine, in “In laude de lenghe furlane”.Riflessioni pedagogiche, linguistiche, filosofiche, San Giovanni al Natisone s.d. ma 1992; Sueño de luna y lunes (Sogno di luna e lunedì).Poesie spagnole, Udine 1993; Itinerario artistico culturale, “Majano nuova” 1995; Cuintricjant celest, Majano 1995; Tutela del friulano: una legge da rivedere, “Il Comune di Treppo Grande” dic. 1996; Crist padan, Udin 1996.

Cfr.: D'Ar. III, 341-343; G. Ricci, Intervista a D. Z., “Friuli universitario” maggio 1966; La cjarande, Udine 1967; G. Faggin, Un poema storico in friulano, MV 26.3.1973; S. Sarti, Lirica ed epopea in D. Z., PAN XXIII, 1973; O. Burelli, La linea d'un poeta, “Majano nuova” 1979; F.Ulliana, Tornare con la gente.Clero e identità friulana, Udine 1982; W. Belardi - G. Faggin, La poesia friulana del Novecento, Roma 1987; A. Giacomini, Wie eine Viole in Casarsa, Brazzano, Cormons 1988; G. Di Fusco, La poesia nel Friuli-V.G., Forlì 1988; Il turcli, Pučui, 1989; R. Balzan, Tai “Drams” di D. Z. lis vicendis di un popul, GPF IX, 1991; G. Ricci, La poesia spagnola di D. Z., “Filologia moderna” XI, 1991; S.Bertossi, Cjarande: “La Spagna non passerà”, MV2.1.1997; B.C., Z., voce libera e forte di un Friuli aperto al mondo, “Udine & Udine” 16.5.2001.
Indietro