Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

TELLINI / TELIN Achille
naturalista, geologo, folclorista, esperantista, saggista, docente a Roma (Udine 1866 - ivi 1.10.1938). È il fondatore del Circolo speleologico friulano (1897), primo in Italia. Ha al suo attivo un gran numero di pubblicazioni scientifiche. Tra l'altro scrisse di morfologia, sulle acque sotterranee e sul clima delle Alpi orientali; preparò una carta geologica di Roma. S'interessò poi all'esperanto di cui divenne un cultore e un propagandista; infine si appassionò, con fede di apostolo, di cultura, lingua e tradizioni del Friuli. Dal 1919 al '23 pubblicò in autografia in Il tesaur de lenghe furlane, uno zibaldone di 826 pagine che comprende la più ricca raccolta di villotte friulane che si conosca: Spieli de anime furlane o leterature popolar tradizional de Çarñe e dal Friul, raccolta integrata successivamente con la Zonte a lis vilotis. Dal punto di vista politico-culturale l'opera sua più significativa è comunque “La Patrie ladine. Riviste pal Friul, Çarñe, Dolomitis dal Adis e Canton Grison” (288 pagine, in parte a stampa, pubblicate a partire dal maggio 1921), in cui descrive il suo grande sogno di veder riconosciuta la dignità della lingua friulana, usata la bandiera ladina, restaurato il Patriarcato di Aquileia come modello per un Friuli indipendente. Dal 1929 al '33 pubblicò la rivista “Archivi de leterature furlane antighe e moderne”. A cinquant'anni dalla morte l'Union scritôrs furlans ha posto questa lapide sulla sua casa natale: “In ta chest lûc al è nassût Achîl Telin, sienziât, campion di furlanetât, profet dal resuriment dal Friûl e de Patrie ladine”.

Bibl.: Appunti di mineralogia generale, Udine 1894; Della vita e delle opere di Giulio Andrea Pirona (con note su altri naturalisti del Friuli), Udine 1897; Le acque sotterranee del Friuli e la loro utilizzazione, 1898-1901; Sulle stazioni meteoriche nuove o riattivate in Friuli, Torino 1905; Dal Peralba ad Aquileia e dal Livenza all'Isonzo. Libro per gli esercizi di traduzione dal dialetto friulano, Milano 1924 (3 voll.); Sentimenti ed affetti nella poesia popolare dei Ladini del Friuli, San Vito al Tagliamento 1924, Udine 1926; Gramatiche, vocabolari ed esercicis di lenghe internacional esperanto pai ladins furlans, San Vito al Tagliamento 1935.

Cfr.: Mar. 1019; Per. 264; SBL IV, 50-51; PSBL III, 639; L. Pilosio, A. T., CF XIV, 1938; Un precursôr: A. T., “Patrie dal Friûl” 9.6.1946; P. Caracci, Il mondo sotterraneo, MV 26.7.1966; L. Sereni, Un neofita dell'esperanto, MV 26.7.1966; M. Matičetov, “Barzaletis furlanis a la Boccaccio” di A. T., in Atti del V congresso ladino, Udine 1967; G. Visintainer, La nazione ladina nel pensiero di A. T., “La vita cattolica” dal 31.1.1981; R. Stefanutti, L'opera di A. T.: un contributo alla conoscenza della letteratura popolare friulana, tesi di laurea, facoltà di magistero, Università di Trieste, a. a. 1984-85; C. Morandini, Il museo friulano di storia naturale: origine storica, “Mese regione” II, 1985; R. Stefanutti, A. T. (1866-1938) geologo, naturalista, folclorista, PAN marzo 1989; G. Nazzi Matalon, L'autonomisim furlan dal 1866 al 1945, GPF VIII, 1990.
Indietro