Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

MAURONER Fabio
incisore, acquafortista (Tissano, Santa Maria la Longa 22.7.1884 - Venezia 1948). Studiò pittura a Roma e a Parigi; a Venezia la tecnica dell'acquaforte. S'interessò anche degli incisori del passato pubblicando una monografia su Luca Carlevarijs (Venezia 1931). Numerose le sue opere con soggetto friulano; tra le tante citiamo: Rampe del castello di Udine, Il pozzo del palazzo patriarcale di Udine, Antiche case friulane, Case friulane (Percoto), Aquileia, La torre di Mels nel Friuli, Vecchi castagni friulani, Vigne friulane, Castello di Arcano. Nel 1936 fece parte della giuria per i concorsi della Biennale di Venezia, nel '42 della sottocommissione per le arti figurative. Accompagnò attraverso il Friuli i coniugi D. Noyes e J. Taylor Arms che pubblicarono a New York nel 1932 il libro Hill towns and cities of northern Italy, un capitolo del quale è dedicato alla regione e di cui egli tradusse un brano per la “Panarie” del 1933.

Bibl.: Incisioni pordenonesi, CF XX, 1944; Una veduta di piazza Contarena, CF XX, 1944.

Cfr.: Mar. 988; Dam. I, 53; E. Corsini, F. M., PAN V, 1928 (pp. 301-311); C. Ermacora, Acquaforti di F. M., PAN I-II, 1937; A. De Pace, F. M., MV 8.11.1948; A.Manzano, Il mistero dell'acquaforte, MV17.12.1955; Incisori friulani: F. M., “Avanti cul brun!” 1964; V. Rossitti, Dizionario degli incisori friulani, Udine 1981; I. Reale, F. M., Pordenone 1984; Alla riscoperta dei M., MV 22.2.2001.
Indietro