Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

MARCHETTI / MARCHET Giuseppe
(Meni Parut Pirli) sacerdote, insegnante, linguista, storiografo, letterato, storico e critico d'arte (Gemona del Friuli 23.7.1902 - Udine 8.5.1966). Studiò nel Seminario di Udine e fu consacrato nel 1925. Nel 1935 si laureò in lettere classiche e moderne alla Cattolica di Milano, dopo aver conseguito la laurea in teologia. Nello stesso anno venne mandato “volontario” in Abissinia come cappellano militare. Insegnò lettere nel Seminario, nel Liceo classico e nell'Istituto magistrale di Udine e a Tolmezzo. Nel 1944 subì il confino politico fascista. Nel dopoguerra fu l'ispiratore del gruppo poetico Risultive. È il genius loci del Friuli, il maître à penser del Furlanentum: nessuno ha fatto quanto lui per la sua terra. Per anni fu l'anima del battagliero settimanale “Patrie dal Friûl” che propugnava l'autonomia regionale in un ambiente generalmente ostile e rivendicava il friulano «come lingua di comunicazione totale» (Dizionario della letteratura italiana del Novecento, Torino 1992). Dal 1961 alla morte, ha diretto la rivista “Sot la nape”. Ha coltivato anche il disegno, illustrando alcuni suoi libri, e la fotografia (il suo archivio con la catalogazione del patrimonio di sculture lignee e delle chiesette votive del Friuli è nel Museo di Udine). Ha scritto una fondamentale grammatica storica della lingua friulana; ha “scoperto” la scultura lignea friulana fino ad allora trascurata dalla critica d'arte; ha riletto la storia regionale senza condizionamenti e pregiudizi nazionalistici; pur non essendo un artista puro, ha scritto in un friulano esemplare: nessuno, né prima né dopo, ha padroneggiato la lingua come lui. Vastissima la sua produzione su giornali, periodici e riviste. Premio Epifania 1960. Al suo nome sono intitolate diverse scuole e vie in tutto il Friuli.

Bibl.: Cheste benedete lenghe..., “Patrie dal Friûl” 22.12.1946; Al siarvizi de pulitiche.Storiografie furlane, “Patrie dal Friûl” a. II, 1947; La koiné friulana attraverso i secoli, CF XXVI, 1950; Scuele e lenghe, CF XXVII-XXVIII, 1951-1952; Lineamenti di grammatica friulana, Udine 1952 e 1967; Genesi storica del friulano, SN V, 1953; La sculture in len tai paðs ladins, CFXXX, 1955; Per una koiné friulana, SNVII, 1955; G.M. - G. Nicoletti, La scultura lignea in Friuli, Milano 1956; L'altare di San Osvaldo a Sauris di Sotto, VC 17.2.1957; Gemona e il suo mandamento, Udine 1958; La Rinassinze in Friûl, SNX, 1958, XI, 1959; Le origini di Aquileia nella narrazione di Tito Livio, MSF XLIII, 1958-1959; Friuli. Uomini e tempi, Udine 1959 e 1974; Gerolamo Comuzzo intagliatore e la sua bottega, SN II, 1959; Domenico da Tolmezzo scultore, Udine 1962; La letteratura friulana e le sue tappe storiche, in Cordenons, Udine 1963; Letaris ai furlans, Udin 1966 e 1991; Le chiesette votive del Friuli, Udine 1971 e 1982; Cuintristorie dal Friûl, Udin 1974; Lis predicjs dal muini, Udin 1975; I lunaris di pre Bepo, Udine 1976; La Patrie, Udin 1976; Il Flos duellatorum e Fior Furlano, in T.Miotti, Castelli del Friuli.La vita nei castelli friulani, Udine 1981; Note sull'arte friulana connessa con il culto eucaristico, SN II, 1991; Salvâ l'Italie e altris tocs, Udin 2000; Lètaris d'amôr, Udin 2001; Marchet e la Patrie, Glemone 2001.

Cfr.: Mar. 11-31; D'Ar. III, 77-79; Per. 156-160; PSBL II, 354-355; G.Francescato, G.M.Lineamenti di grammatica friulana, MSFXL, 1952-1953; Risultive 1949-1954, Udine 1955; A. Rizzi, La scultura lignea nel Friuli, QF XII, 1956-57; P. Londero, Una luce si è spenta nel cielo del Friuli. Pre' Bepo M., VC 15.5.1966; P. Londero, Don G. M. Un vero friulano, un grande maestro, “Friuli d'oggi” maggio 1966; In memorie di pre' Bepo, SN II-III e IV, 1966; G. Nicoletti, Don G. M., MSF XLVII, 1966; C. Mutinelli, Ricordo di don G. M. maestro indimenticabile, QF XXX, 1966; N. Cantarutti, G. M., CF XLI-XLIII, 1965-67; Ricordo di G. M., “Friuli universitario” V, 1967; A. Giacomini, Poeti dialettali friulani del secondo dopoguerra, “Miscellanea” I, 1971; D.Virgili, G.M.Un uomo, una cultura, AAUserie VII, vol X, 1973; D.Gioseffi, Problemi di storia dell'arte lignea in Friuli, “Arte in Friuli, arte a Trieste” Udine 1975; C.G. Mor, Il pericolo di provincializzare la storia friulana: “Cuintristorie dal Friûl” di G.M. e F. Placereani, CF LIV, 1978; Il dibattito in assemblea sulle minoranze della Regione Friuli-VG, Trieste 1981; G. D'Aronco, Friuli, regione mai nata, Tricesimo 1983; Fece conoscere ai friulani i tesori della loro terra, VC 13.9.1986; R. Pellegrini, Tra lingua e letteratura. Per una storia degli usi scritti del friulano, Udine 1987; A. Giacomini, Scrittori friulani del secondo dopoguerra, Udine 1987; Cultura in Friuli. Omaggio a G. M., Udine 1988 (2 voll.); A. Giacomini, Wie eine Viole in Casarsa, Brazzano, Cormons 1988; G. D'Aronco, Pasolini riveduto e corretto, Tricesimo 1990; G. Bergamini, G. M. storico dell'arte, SN II, 1991; J. M. vincjecinc agns daspò, GPF IX, 1991; J.Haiman - P.Benincà, The rhaeto-Romance Languages, London 1992; Il timp e l'omp.Tal Friûl di pre' B.M., Udine 1996; G.Frau, L'eredità di G.M. a trent'anni dalla scomparsa, CF2, 1996; G. Nazzi, La “benemerita” Società filologica friulana. Controstoria, Udine 1997; A. Beline, Pre B.M., “Il dono” marzo 2001.
Indietro