Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

MACOR Celso
funzionario, pubblicista, poeta, scrittore, saggista (Versa, Romans d'Isonzo 4.8.1925 - Gorizia 28.11.1998). È stato consigliere provinciale per una legislatura e capo ufficio stampa del comune di Gorizia. È autore di saggi di carattere letterario sull'opera di F. de Gironcoli e M. De Apollonia, di studi di interesse storiografico ed ambientale sull'Isonzo e sul Friuli goriziano. Ha diretto la rivista “Iniziativa isontina” dal 1984 al 1996 e “Alpinismo goriziano”, il notiziario della sezione di Gorizia del Club alpino italiano. Su “Voce isontina”, il giornale della diocesi, di cui è stato vicedirettore, ha curato per anni una rubrica settimanale a commento della situazione politica, sociale e culturale. È stato vicepresidente dell'Union scritôrs furlans. Nel 1990 ha partecipato, in rappresentanza del Friuli, al Festival internazionale di poesia di Barcellona. Premio Amì di Lucinis 1985, Epifania e San Rocco 1988, Gianfrancesco da Tolmezzo e Città di Thiene 1990.

Bibl.: Isonzo, finalmente fiume di pace, Gorizia 1965; Storia intima del Friuli isontino, SG XXXVII, 1965; Giulio Kugy, lo scopritore delle Alpi Giulie (con traduzione in tedesco e sloveno), IN XXX, 1966 (1969); Torre, fiume del Friuli, Gorizia 1966; L'uomo e la vigna, Gorizia 1971; Pari nestri, IN I, 1974; Zwölfer, Gorizia 1974-75; La città defriulanizzata, IN LXVI, 1976; Duecento anni di alpinismo sul Tricorno, Gorizia 1978; Impiâ peraulis (poesie), Gorizia 1980; Un secolo, in Un secolo di alpinismo goriziano 1883-1983, Gorizia 1984; Friulano; crepuscolo e speranza, IN I, 1984; Ce vino di fâ dal furlan?, SN II, 1985; I vôi dal petarôs (racconti), Gurize 1986; Se 'l flun al mûr, Brazzano, Cormons 1989; Ballata in bianco e nero, in Gorizia in posa, Gorizia 1989; Tiara (prose), Brazzano, Cormons 1991; Isonzo, Gorizia 1991; Il sì della Camera, “Voce isontina” 30.11.1991; Il tormento dell'opera incompiuta nelle ultime lettere di Ervino Pocar.Il dramma dell'anticristo (trad.di Ervino Pocar), SG LXXV, 1992; Canto ed epopea nel silenzio delle colline, in Collio, Gorizia 1993; Puisiis a Viarsa, Versa 1994; La bellezza del “contâ par furlan”, VC 15.4.1995; Dopo la legge sulla lingua friulana, “Voce isontina” 7.10.1995; I fucs di Belen, Brazzano, Cormons 1996; Ervino Pocar, Pordenone 1996; La nostra gente nel 1915, “Voce isontina” 18.1.1997; C.M. - C. Tavagnutti, Volo con l'aquila. Immagini e pensieri sulle Alpi Giulie, Gorizia 1998; Dulà che la Furlania a finis, Cormons 1998; Aesontius. Dalle Alpi al mare. Von den Alpen zum Meer, Gorizia 1999; Cui ciantaraja dopo di me?, Gorizia 1999; Identità e incontri, Brazzano (Gorizia) 2000.

Cfr.: D'Ar. III, 275; C. Medeot, Un nuovo poeta friulano, IN LXXIV, 1980; L. De Cillia, C. M., I vôi dal petarôs…, QF LXIX, 1987; Le arti a Gorizia nel secondo Novecento, Gorizia 1987; W. Belardi - G. Faggin, La poesia friulana del Novecento, Roma 1987; R. Pellegrini, Tra lingua e letteratura. Per una storia degli usi scritti del friulano, Udine 1987; A. di Spere, C. M., I vôi dal petarôs…, PAN LXXIV, 1987; A. Giacomini, Wie eine Viole in Casarsa, Brazzano, Cormons 1988; R. Pellegrini, C. M. Se 'l flun al mûr, “Majano nuova” 1990; S. Tavano, C. M., in Gorizia e il mondo di ieri, Udine 1991; A.Bongiorno, M.: l'Europa non geli i nostri fiori, “Avvenire” 21.1.1993; H.Stritzl, Am Isonzo steht die neue Wiege Mitteleuropas, “Kleine Zeitung” 26.3.1993; E.Segalla, Spighe di ricordi, MV 15.4.1996; R.Boscarol, La poetica di C.M. espressione piena di valori universali, “Voce isontina” 20.4.1996; L. Santin, Invito alle Giulie, MV 22.10.1998; R. Boscarol, Friulano di confine, profeta del dialogo, GAZ 1.12.1998; C.M., poeta e profeta di frontiera, “Voce isontina” 5.12.1998; C. Cescutti, Premio Carnia a Corona e M., GAZ 28.1.1999; R. Pellegrini, Un ricordo di C.M., “Metodi e ricerche” 1, 1999; S.Fantini - L. Zilli, Trent'anni di storia della Clape culturâl Acuilee, “La panarie” 126-130, 2000-2001.
Indietro