Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

JACOB Livio
operatore culturale, ricercatore (n. Gemona del Friuli 28.1.1951). Si è laureato in scienze biologiche nel 1975. Dal 1976 al 1991 ha insegnato nelle scuole medie. Con Piera Patat nel 1977 ha fondato a Gemona La Cineteca del Friuli, uno dei più importanti archivi cinematografici italiani: conserva circa 3500 documentari e cinegiornali e 3000 film di finzione di corto e lungometraggio in pellicola da 16 e da 35 mm. La biblioteca specializzata della Cineteca è dotata di oltre 18000 volumi, di centinaia di riviste, di una fototeca di 20000 soggetti e di una videoteca di 4000 titoli. Jacob fa parte del comitato di redazione di “Griffithiana”, la rivista della Cineteca distribuita internazionalmente dalla John Hopkins University Press. Nel 1982, in collaborazione con P. Colussi di “Cinemazero” di Pordenone, ha ideato “Le giornate del cinema muto” di Pordenone, unico festival al mondo dedicato alla valorizzazione dei film delle origini, che si svolge annualmente diventando la vetrina internazionale del restauro cinematografico e della riscoperta della produzione dei primi decenni della storia del cinema. Premio “Settima Arte” 1988, Epifania 1998.

Bibl.: C. Gaberscek - L.J., Hollywood in Friuli. Sul set di “Addio alle armi”, Udine 1992; Vera Vergani e Tina Modotti: due friulane nel cinema muto, SN. 1-2, 1996; L.J. - C. Gaberscek, Il Friuli e il cinema, Gemona del Friuli 1996.

Cfr.: L. Arduini, Guida agli archivi audiovisivi in Italia, Roma 1995; S. Zannier, Gemona, capitale dei cinefili, MV 12.2.2002.
Indietro