Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

FRAU Giovanni
docente a Udine di lingua e cultura ladina e di filologia romanza, studioso di toponomastica e di onomastica (n. Fiume, Croazia 22.2.1940). Dopo aver insegnato nella scuola media, nel 1971 ha iniziato la carriera universitaria come assistente, assumendo nello stesso anno l'incarico di linguistica ladina. Professore associato dal 1981, è diventato ordinario di lingua e letteratura ladina nell'86 e delegato di settore della lingua e cultura friulana dal 2002. È stato redattore capo dell'ASLEF (Atlante storico-linguistico-etnografico del Friuli) (Padova 1972-84); collabora alla compilazione del DESF (Dizionario etimologico-storico friulano) (Udine 1984-); è presidente del Consorzio per l'Università di Udine, presidente dell'Osservatorio della lingua e della cultura friulane (1996-2001); garante per le lingue minori tra i rappresentanti di tutte le minoranze d'Italia; consigliere di enti vari; direttore e redattore di riviste e giornali. Ha pubblicato centinaia di studi, rivolti soprattutto all'analisi storica del lessico, della toponomastica e dell'antroponimia romanza, specialmente del ladino, ma in friulano, su “La vita cattolica”, a partire dal novembre 1977, solo una serie di note etimologiche. Premio Epifania 1996.

Bibl.: Individualità linguistica del friulano, Udine 1974 e 1989; La lenghe furlane, Udine 1975; Dizionario toponomastico del Friuli-V.G., Udine 1978; La toponomastica di Grado e della sua laguna, Udine 1980; Cognomi friulani, “Agenda friulana” 1982; Le denominazioni friulane degli astri, in Studi forogiuliesi in onore di Carlo Guido Mor, Udine 1983; La nota etimologica, “Agenda friulana” 1984; Friuli, Pisa 1984; I dialetti del Friuli, Udine-Pisa 1984; Le parlate friulane del Portogruarese negli ultimi cento anni, in L'area portogruarese tra veneto e friulano, Portogruaro-Padova 1984; Storia linguistica, in Raccontare Lignano, Udine 1985; Lingua e società in Friuli, con particolare riferimento all'area di Dardago, in Sot 'l Crep, Dardago 1986; Osservazioni sulla terminologia friulana dei fenomeni meteorologici, in Raetia antiqua et moderna, Tübingen 1987; Le ragioni della lingua friulana, in Chiesa e culture il Friuli, Udine 1988; Altre carte friulane del secolo XIV, in Per Giovan Battista Pellegrini, Padova 1991 (II vol.); L'eredità di Giuseppe Marchetti a trent'anni dalla scomparsa, CF 2, 1996;La grafie uficiâl del lenghe furlane, Udin 1999.

Cfr.: O.B., Individualità linguistica del friulano, VC 18.5.1974; J.Haiman - P.Benincà, The Rhaeto-Romance Languages, London-New York 1992; L. Cjanton, La lingua friulana è tutta un “quizz”, GAZ 9.7.1998; A. Ioime, Questo è Friuli doc e questo Friuli cane, GAZ 9.10.1998; G. Nazzi, Ottimi studiosi ma un po' analfabeti, GAZ 8.1.1999; “Lenghe 2000” e il furlan al fâs Centri, “Il Friuli” 3.9.1999;R.M. Grosselli, «Non esiste un popolo ladino», “Il mattino”, Padova 3.10.1999; G. Nazzi, Friulanisti solo per soldi?Fuori i nomi, GAZ 25.11.1999; W. Tomada, Friulano. Anarcolingua che non si lascia fare, GAZ 9.3.2000; I. Mattiusssi, I maestri condannati alla posterità, MV 8.7.2001; S. Bertossi, Ecco come si difende il friulano, “Il Friuli” 4.5.2001.
Indietro