Jentrade / Dizionario Biografico
Jentrade
Premessa
Abbreviazioni
   

DIZIONARIO BIOGRAFICO FRIULANO

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | indice

FIOR Adalgiso Giocondo
(Giso Pitrin Mion Renzo) impiegato, insegnante, pubblicista, scrittore, poeta (Chiaulis, Verzegnis 6.11.1916 - Udine 2.9.1978). Nipote di Arnaldo. Iniziò a poetare sin da giovane. Nel 1935 scrisse, in collaborazione con il fratello Adelchi, la commedia Il gnau, rimasta inedita. Durante la Resistenza in Friuli, fu il responsabile della stampa nelle formazioni osovane. “Pai nestris fogolârs” e “Osoppo avanti!”, stampati nella clandestinità, sono in buona parte opera sua. Subito dopo la guerra, per ragioni di lavoro, si trasferì a Milano dove pubblicò, nel 1954, l'antologia di canti friulani con versione in italiano Villotte e canti del Friuli. Tradusse in ladino-carnico e pubblicò, sempre a Milano, nel 1954 il primo ed il terzo canto dell'Inferno di Dante. Nel 1985 è stata editata a Udine una raccolta delle sue composizioni più significative, corredata di una biobibliografia: La mê Cjargna.

Bibl.: I vecchi e i nuovi Piombi con i méngos des torcis, Udine 1965.

Cfr.: D'Ar. III, 153; Per. 115-116; G. Zof, Poesia di G. F., PAN VI, 1969; A. Ciceri, A. F., SN III-IV, 1978; R. Rossi, La mê Cjargna…, “Il barbacian” II, 1985; O.Burelli, A.G.F., l'ultimo poeta carnico, “Il dono” agosto 1994; F. Castellani, La poesia travalica il limite delle lingue, MV 31.8.1998.
Indietro