Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Avost dal 2015
 
(foto tratta dal sito www.camminodellepievi.it/)

A Zuglio, si celebra la “Giornata ecumenica per la custodia del creato”
ECOLOGIA INTEGRALE
Martedì 1° settembre, meditazione musicale sull’enciclica «Laudato si’» di Papa Francesco

[Mario Zilli]
«Non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale. Le direttrici per la soluzione richiedono un approccio integrale per combattere la povertà, per restituire la dignità agli esclusi e nello stesso tempo per prendersi cura della natura»: l’altissima sfida lanciata «a ogni persona che abita questo pianeta» da Papa Francesco, attraverso la lettera enciclica «Laudato si’», sarà al centro dell’annuale appuntamento culturale del 1° settembre proposto, alla «Polse di Cougnes» (presso la Pieve di San Pietro in Carnia, a Zuglio), dall’Arciconfraternita dello Spirito Santo «Pieres Vives» e dal Coordinamento regionale della Proprietà collettiva.

In occasione della «Giornata ecumenica per la custodia del creato», le due organizzazioni, coadiuvate dal Gruppo ecumenico della «Polse», alle ore 20 di martedì 1° settembre, proporranno una serata di meditazione sul documento papale dedicato alla «cura della casa comune».
L’associazione culturale «Gruppo di Lettura il Ponte» di Ovaro proclamerà alcuni dei passi più significativi ed esigenti dell’enciclica, alternandosi con la musicista Manuela Sulligoi, che proporrà dei commenti musicali all’arpa.
L’appuntamento di quest’anno è particolarmente significativo innanzitutto per la concomitanza con la diffusione dell’enciclica «Laudato si’», in secondo luogo perché risponde concretamente all’indizione da parte di Papa Francesco della «Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato», che darà un respiro ancor maggiore alla «Giornata per la custodia del creato», già promossa dalla Conferenza episcopale italiana da 10 anni a questa parte, sull’esempio del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli che celebra tale ricorrenza dal 1989.
Il respiro ecumenico dell’impegno per la «cura della casa comune» apparirà ancora più chiaramente nelle giornate del 5 e del 6 settembre, quando alla «Polse di Cougnes», si svolgeranno i dibattiti e le preghiere denominati «Esperienze di fraternità ecumenica per custodire la casa di tutti».
Presso il Centro ecumenico nei pressi della Pieve di San Pietro di Zuglio, sabato 5 settembre alle 17.30, è in programma la presentazione di 3 «Testimonianze di vita ecumenica» («La vita consacrata: strada privilegiata di comunione», a cura del francescano Paolo Cocco; «In cammino verso un nuovo ecumenismo: settimana di formazione ecumenica del S.A.E.»; a cura della predicatrice della Chiesa Evangelica Valdese-Metodista di Udine Giovanna Gandolfo; e «Il manifesto scientifico del Festival Francescano di Bologna 2015 Sorella Terra»). Alle 20.30, il «Gruppo di Taizé» animerà una «Veglia di preghiera per la vita e il Creato».
La giornata di domenica 6 settembre, dopo una mattinata di preghiera e confronto, avrà per protagonisti p. Iustinian Deac (Chiesa Ortodossa, Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, Patriarcato Romeno), Giovanna Gandolfo Taverna (Chiesa Evangelica Valdese-Metodista di Udine), p. Jacques Frant (Chiesa Melkita, Patriarcato di Antiochia), Flora del Ben (Chiesa Cattolica) e Vittorio Sutto (Chiesa Evangelica Friulana Pentecostale), che moderati da monsignor Giordano Cracina, parroco di Zuglio e responsabile della “Polse di Cougnes”, si confronteranno sul tema: «Il Creato: un dono di Dio e una responsabilità per tutti - Cristiani di diverse confessioni condividono il loro sentire» (alle ore 15).
Gli organizzatori del Gruppo ecumenico segnalano che, alla «Polse di Cougnes», su prenotazione sono disponibili sia un servizio di ristorazione (0433 92296 – 334 1718162) sia un servizio per l’ospitalità (320 8621159).
L’Arciconfraternita di San Pietro e il Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, tramite l’iniziativa del 1° settembre, si prefiggono di offrire un’occasione di confronto sui temi della salvaguardia ambientale in particolare a due delle categorie più direttamente implicate nella gestione e nella protezione del patrimonio naturale: gli agricoltori e le Comunità titolari di Beni collettivi, che sono particolarmente diffuse nel territorio montano regionale.