Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Jugn dal 2015
 

Paolo Cacciari presenta “Ines 2015”, in programma a Trieste
TERRITORI CONTRO IL DOMINIO DEL PROFITTO
Si celebra dal 17 al 21 giugno l’incontro nazionale dell’Economia solidale

[Paolo Cacciari]
Il giornalista Paolo Cacciari ha presentato sul sito http://comune-info.net/ e sul periodico “Left” l’incontro nazionale di economia solidale “Ines 2015”, in programma a Trieste dal 17 al 21 giugno (http://incontronazionale.economiasolidale.net/).
Il Coordinamento regionale della Proprietà collettiva partecipa all’evento, curato dal Forum friulano e triestino dei Beni comuni e dell’Economia solidale, con uno stand (aperto dal 20 al 21 giugno), nel Parco di San Giovanni, e con il convegno: “Economia solidale ed Assetti fondiari collettivi”. Sabato 20 giugno, alle 19.30, vi interverrà Michele Filippini, presidente della Consulta nazionale della Proprietà collettiva.
Seguirà la presentazione di esperienze e progetti sul Carso, in Friuli e nel resto d’Italia inerenti i «valori patrimoniali collettivi» come elementi propulsivi di un’economia autosostenibile e come basi materiali per una produzione finalizzata alla crescita della società locale e della sua capacità di autogoverno.


Territori contro il dominio del profitto
A giugno, incontro nazionale di economia solidale a Trieste

In Francia, lo scorso anno, l’economia sociale e solidale è diventata legge (Siamo uomini non capitali). In Italia lo hanno fatto alcune Regioni (Puglia, Lazio, Emilia Romagna) e il Trentino. Altre si accingono a farlo (Friuli Venezia Giulia). La base del movimento che spinge per un’economia ispirata ad altro che non sia la massimizzazione dei rendimenti e dei profitti è costituita da gruppi di produttori e cittadini consumatori che sperimentano modalità di relazioni collaborative, dirette, trasparenti, fondate sulla reciproca fiducia.
Le iniziative più note sono i Gruppi di acquisto solidali, le banche del tempo, le botteghe del commercio equo e solidale, la microfinanza etica, i mercati contadini, le reti dei produttori biologici, le cooperative sociali, le fondazioni di comunità e molte altre ancora. La rete italiana di economia solidale è nata nel 2002 attorno alla Carta di Verona (www.retecosol.org) ed organizza periodici incontri sui territori.
Quest’anno Ines (Incontro nazionale di economia solidale) si terrà dal 17 al 21 giugno nella splendida cornice dell’ex Ospedale psichiatrico di Trieste.
Due giorni e mezzo di colloqui propedeutici e altri due di laboratori, mercatini, spettacoli. Le aree espositive (più di cento realtà provenienti da tutta Italia) seguiranno le “filiere” dell’alimentazione, dell’abitare, del vestire e del buen vivir, inteso come le buone pratiche che si prendono cura della vita relazionale, della messa in comune dei saperi, della creazione di comunità sostenibili e consapevoli. Tra i temi trattati ci saranno le monete alternative, le proprietà collettive, il rapporto con le istituzioni della governance globale (T-tip). Parteciperanno: Euclides Mance, brasiliano, il più noto teorico dell’“economia di liberazione”; Roberto Mancini, filosofo, autore di Trasformare l’economia; i ricercatori ecosol Roberto Burlando, Mauro Bonaiuti, Davide Biolghini, Paolo Tomasin (vedi www.incontronazionale.economiasolidale.net).
Ferruccio Nilia, sociologo, del Tavolo beni comuni ed economia solidale del Friuli Venezia Giulia, sostiene che al centro dell’economia sostenibile vi deve essere il distretto territoriale. Un luogo e un entità di promozione del cambiamento dove si possono sperimentare scambi di beni e di servizi capaci di generare legami comunitari eco-solidali (pensiamo alle relazioni di dono, all’economia della condivisione, al lavoro di cura) attingendo alle risorse umane e naturali esistenti. A Trieste, sicuramente, ci si appassionerà su quanto l’economia solidale sia alternativa o solo complementare a quella capitalistica dominante.

Paolo Cacciari è autore di articoli e saggi sulla decrescita e sui temi dei beni comuni.
Questo articolo è stato pubblicato anche su Left.
Il nuovo libro di Paolo Cacciari, Vie di fuga (Marotta&Cafiero) – un saggio splendido su crisi, beni comuni, lavoro e democrazia nella prospettiva della decrescita – è leggibile nella versione completa pdf nel sito http://comune-info.net/autori/paolo-cacciari/ (con un contributo di 1 euro)

http://comune-info.net/autori/paolo-cacciari/