Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Mai dal 2015
 

Un confronto fra storia, diritti ed esperienze di gestione, venerdì 15 maggio
I BOSCHI DELLE COMUNITà ALPINE
L’Asbuc frazionale di Andonno organizza il convegno insieme al Parco delle Alpi Marittime

[M. Z.]
“I boschi nelle comunità alpine. Storia diritti ed esperienze a confronto per una moderna gestione”: si intitola così il convegno in programma venerdì 15 maggio a Valdieri, presso la sede del Parco naturale delle Alpi Marittime. L’iniziativa è promossa dall’Asbuc frazionale di Andonno, presieduta da Daniela Risso (www.andonno.it/amministrazione.html - asbuc.andonno@cert.ruparpiemonte.it), in collaborazione con il Parco e con il Comune di Valdieri.

Il convegno “I boschi nelle comunità alpine. Storia diritti ed esperienze a confronto per una moderna gestione” è rivolto ai tecnici e agli operatori del settore, agli amministratori comunali e degli Assetti fondiari collettivi, ma anche alla popolazione locale e a tutte le persone interessate.
I lavori si apriranno alle 9, con i saluti delle autorità. Seguiranno poi le relazioni, interrotte soltanto per il pranzo “en plein aire” presso la sede del Parco.
La prima sessione tratterà le seguenti questioni: “Risorse forestali e gestione collettiva: una storia ambientale” (prof. Vittorio Tigrino - Università del Piemonte Orientale Dipartimento di Studi Umanistici); “La storia delle comunità alpine delle valli cuneesi attraverso usi e consuetudini che hanno segnato il territorio” (prof. Walter Cesana, membro Alsp Università degli Studi di Genova, e prof. Lele Viola, Disafa Università di Torino); “Gli usi civici come modello di autogoverno delle comunità in montagna” (prof. Pietro Nervi - Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive dell’Università di Trento); “Le associazioni fondiarie come nuovo modello di gestione: il caso di Montemale di Cuneo” (dott. forestale Fabrizio Ellena).
Nel pomeriggio seguiranno altre 5 relazioni: “La pianificazione delle foreste in Piemonte: elementi di innovazione” (dott. Marco Corgnati, Regione Piemonte settore foreste); “La tutela dell’habitat come prodotto della gestione attiva delle foreste” (dott.sa Cati Caballo, Parco Naturale Alpi Marittime); “Il lottino: unità di misura ambientale per la gestione sostenibile della risorsa legno” (dott. forestale Paolo Settembri, Studio associato Fortea); “L’attività dei dottori forestali nelle aree protette: aspetti metodologici, rilievi e criticità” (dott. forestale Marco Bonavia, Ordine Agronomi e Forestali Cuneo); e “Le risorse ambientali ritrovate: caso-studio sulla lavanda” (prof. Giuseppe Destefanis, Scuola Agraria di Grinzane Cavour).
Le conclusioni saranno precedute dall’annuncio dei risultati della preselezione per il corso di formazione sull’utilizzo della motosega in sicurezza.
Per motivi organizzativi è preferibile una conferma di partecipazione entro il 13 maggio (info@parcoalpimarittime.it - 0171 97397).