Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Jugn dal 2014
 
Il presidente della Comunella di Bagnoli, Edi Zobec, insieme al Consiglio direttivo

La “Srenja Boljunec” ha stabilito i prossimi obiettivi
VALORIZZARE I PASCOLI COLLETTIVI
Il 19 giugno, si è svolta l’annuale assemblea della Comunella di Bagnoli

[M. Z.]
In un clima attento e festoso e alla presenza di un gran numero di Consorti, donne e uomini di tutte le età, il 19 giugno, si è svolta l’annuale assemblea della “Srenja Boljunec”, la Comunella di Bagnoli della Rosandra, in provincia di Trieste (https://www.facebook.com/srenja.boljunec.bolliunz.comune).
Negli accoglienti locali del Centro culturale “France Prešeren”, si è discusso non solo dei progetti portati a compimento, ma soprattutto dei programmi per l’avvenire, in particolare per la valorizzazione del patrimonio agro-silvo-pastorale della collettività.


Il presidente della Comunella di Bagnoli, Edi Zobec, insieme al Consiglio direttivo, ha presentato il bilancio consuntivo dell’anno trascorso ed ha indicato i prossimi obiettivi.
La Srenja “Bolliunz Comune”, entro il 2015, aprirà presso l’ex farmacia un’esposizione permanente dedicata alla prima guerra mondiale.
In collaborazione con l’associazione “F. Zenobi” (http://zenobionline.com/), rappresentata all’assemblea dal presidente Roberto Todero, sarà approfondito il punto di vista locale sul conflitto. Per tale motivo, la mostra sarà intitolata “Uno sguardo dal Litorale”.
Contemporaneamente, proseguiranno i lavori per realizzare la sede della Comunella. Ma l’impegno principale del Direttivo e dei Consorti resterà la valorizzazione del patrimonio agro-silvo-pastorale, attraverso lo strumento del Piano di gestione forestale.
La Srenja/Vicinia di Bagnoli, nel corso degli anni, si è dotata di importanti macchinari per il lavoro boschivo, fino al recente acquisto di un potente trattore. Un ulteriore salto di qualità è previsto, nel settembre prossimo, grazie alla realizzazione di un corso per operatori forestali.
Grande interesse e impegno viene posto nel progetto “Attività di Pascolo collettivo”. Durante l’assemblea, è stata discussa la “bozza di regolamento”, che prevede sia la gestione autonoma dell’attività di allevamento, anche attraverso l’assunzione di proprio personale, sia la concessione a soggetti diversi dei pascoli della Comunella.
All’assemblea di Bagnoli, hanno partecipato numerose autorità locali (sindaco e parroco), provinciali e regionali. Particolarmente significativo è stato il saluto del rappresentante del Parlamento di Lubiana, che ha fatto riferimento ai progetti per il riconoscimento della Proprietà collettiva in Slovenia.
Il consigliere regionale Stefano Ukmar, per anni presidente della Comunella di Contovello, ha preannunciato la costituzione in Consiglio di un gruppo di lavoro per la risoluzione dei problemi che tuttora affliggono Jus e Srenje del Carso ed ha invitato i sindaci dell’Altopiano a sostenere attivamente tale processo.
Luca Nazzi ha portato i saluti del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, invitando la Comunità di Bagnoli a perseguire con determinazione i propri obiettivi, continuando «a rivendicare con forza i propri doveri di salvaguardia e di trasmissione alle generazioni future di un territorio ben custodito, attraverso una gestione forestale e pastorale attiva».
Il rappresentante dell’“Agrarna skupnost”, Carlo Grgic, ha fatto cenno ai lavori della Consulta nazionale della Proprietà collettiva e all’impegno profuso dalla Comunanza agraria e dal Coordinamento regionale per risolvere le controversie ancora aperte con la Regione e con i Comuni del Carso.