Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Otubar dal 2013
 

Convegno all’Università di Trento, il 4 e il 5 ottobre
LA STORIA COME FONTE DEL DIRITTO
Saranno considerati anche i rapporti fra Beni collettivi e Beni comuni e i profili costituzionali degli assetti fondiari collettivi

[M. Z.]
La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento organizza un convegno sui “Diritti storici”.
L’importante incontro di studio è programmato nel capoluogo trentino, il 4 e il 5 ottobre.


L’incontro di studio su “I Diritti storici” si svolgerà il 4 e il 5 ottobre, presso la sala conferenze della Fondazione Cassa di risparmio di Trento e Rovereto, in via Calepina 1, a Trento. I lavori si apriranno venerdì 4, alle ore 15, con i saluti di Giuseppe Nesi, preside della Facoltà di Giurisprudenza, e di Paolo Battocchi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.
Il professor Diego Quaglioni proporrà una relazione iniziale intitolata “La storia come fonte del diritto”. Seguirà la prima sessione del convegno dedicata ai “Profili di Diritto interno”.
Coordinati da Matteo Cosulich, interverranno: Riccardo Ferrante dell’Università di Genova su “Usi civici e beni comuni: considerazioni introduttive”; Pietro Nervi dell’Università di Trento su “Il ruolo degli assetti fondiari collettivi nella promozione dei beni comuni”; Elisabetta Fiocchi dell’Università di Trieste su “Il libro fondiario in Venezia Giulia: alcuni profili storico-giuridici”; Marco Gaggero dell’Università di Trento su “Il libro fondiario in Trentino-Alto Adige” e Davide Paris dell’Università del Piemonte orientale su “Il maso chiuso nella giurisprudenza costituzionale”.
La seconda giornata di lavori, sabato 5 ottobre, si aprirà alle 9. Verranno esaminati i “Profili di Diritto comparato”.
Giancarlo Rolla dell’Università di Genova coordinerà gli interventi su “I diritti forali in Spagna e l’Unione europea: la possibile conciliazione fra istanze di specialità ed esigenze di omogeneità” (Barbara Lelli dell’Università di Genova); “Gli usi civici: profili costituzionali” (Giuseppe Di Genio dell’Università di Salerno); “Itinerari di ricerca sugli assetti fondiarii collettivi: dal (micro)caso dei Walser alla (macro-)prospettiva della comparazione giuridica intersistemica (e interculturale)” (Mauro Mazza dell’Università di Bergamo); “Il libro fondiario in Eritrea, tra diritto coloniale e diritto tradizionale” (Flavio Guella dell’Università di Trento).
Il coordinamento scientifico dell’assise è curato da Matteo Cosulich.
La segreteria organizzativa fa capo alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Ateneo trentino (0461 281866 - carla.boninsegna@unitn.it).
Gli organizzatori fanno presente che la partecipazione ?è libera e gratuita, tuttavia, è gradito l’invio della scheda di adesione disponibile nella pagina web raggiungibile all’indirizzo: www.unitn.it/giurisprudenza-convegni2013.