Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Avrîl dal 2013
 
Il “logo” di “Pense e Maravee”

Uno sguardo sul territorio di Gemona
“SERADIS IN OSTARIE” 2013
Il 18 aprile si parlerà dei Beni civici della Comunità

L’Associazione “Pense e Maravee” di Gemona, anche questo anno, dopo le dieci serate realizzate nel 2012, proporrà un ciclo di incontri pubblici nelle osterie del paese.
Le serate saranno suddivise in due gruppi tematici. Il primo, costituito da cinque serate avrà come tema “Uno sguardo sul territorio del Gemonese”. Avrà inizio giovedì 11 aprile e proseguirà con cadenza quasi settimanale nelle osterie di Gemona che si sono rese disponibili ad ospitare l’iniziativa.
Giovedì 18 aprile, alle ore 20.30 presso l’osteria “Mantovan” di Ospedaletto, Luca Nazzi del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva e Rino Gubiani dell’Università del Friuli animeranno un incontro intitolato: “Beni civici: dove sono? Come utilizzarli?”.


Gli obiettivi che l’Associazione “Pense e Maravee” si pone con queste serate in osteria sono così riassunte dai promotori: «riappropriarsi di uno spazio di discussione attraverso un invito alla conoscenza; esercitare il diritto di manifestare le proprie ragioni; imparare a stare nell’osteria anche bevendo un “tajut” con le persone con cui non si è in accordo; assaggiare qualcosa di originale, come riappropriazione del propria storia culturale e alimentare.
Quindi sono serate prettamente politiche nella precisa accezione del termine (dal greco ?????????, politikós) che è legato al termine “polis”, che in greco significa città cioè la comunità dei cittadini: “politica” per i greci significava l’amministrazione della “polis” per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano».
«Accanto agli obiettivi prima definiti ne abbiamo altri – spiegano gli organizzatori –, indiretti, legati alla tipologia delle serate quali: far emergere i talenti locali in termini di persone, fatti o cose; leggere la storia locale in prospettiva anche di interpretare meglio il futuro (fatti di borgata, guerre, monticazione nelle malghe, emigrazione, immigrazione, ecc.); privilegiare il dibattito su aspetti locali (energia, assetto territoriale, agricoltura, industria locale, sport, ecc)».
Gli appuntamenti in calendario nella prima parte dell’iniziativa affronteranno i seguenti temi: “Le gestione integrale del campo gemonese. Un possibile progetto per il futuro” (11 aprile, Tablè di Campolessi); “Beni civici, dove sono? Come utilizzarli?” (17 aprile, Mantovan di Ospedaletto); “Malatiis dai lens, curis e altris robis” (2 maggio, 38° Parallelo di Taviele); “Poesie e racconti” (9 maggio, Rive Grande di Gemona centro); e “Scuele dal lûc dal lât” (15 maggio, Centrâl di Ospedaletto). Tutte le serate avranno inizio alle ore 20.30.