Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Zenâr dal 2013
 

Bandita l’edizione 2013 del concorso fotografico
“CORSA ALLA TERRA NELLE AREE FRAGILI”
Il “landgrabbing” esiste anche in Italia?

Nell’ambito del convegno “Corsa alla terra verso le aree fragili dell’Italia? Alla ricerca di cibo, acqua ed energia nell’era della scarsità”, in programma a Rovigo, il 16 marzo 2013, è indetto il concorso fotografico a tema: “Corsa alla terra nelle aree fragili”.

Negli ultimi anni il tema del “landgrabbing” ha acquisito una rilevanza crescente, a causa delle sue spesso devastanti conseguenze ambientali e sociali. Tale fenomeno si sta manifestando anche in Italia? Vi è, nelle zone più marginali del nostro Paese, una corsa alla terra, ossia una nuova e più vigorosa richiesta di terra per una varietà di usi?
Sembra di assistere, infatti, ad una corsa alla terra animata da un coacervo di spinte positive e negative. Ricerca di terra per coltivare piante dedicate alla produzione di energia oppure per sviluppare le infrastrutture. Attenzione alla terra nei progetti di riconversione al biologico oppure ambigue richieste di terreni per smaltire sottoprodotti della depurazione.
Tentativi di creare un azionariato collettivo/diffuso della terra con lo scopo di ricavarne comunque un utile oppure uno strisciante processo di concentrazione della proprietà nelle mani di grandi proprietari se non addirittura di multinazionali.
Necessità di terreni agricoli per i bacini di laminazione in caso di piene o per essere riempiti d’acqua a scopo idroelettrico. Riconversioni a bosco amate e odiate allo stesso tempo.
Qualunque sia il fine di questa corsa alla terra, non avviene per motivazioni romantiche o bucoliche, ma riguarda i beni essenziali per la nostra sopravvivenza, in particolare cibo, acqua ed energia. Si tratta di beni che l’Italia in buona misura importa da varie parti del mondo, ma che potrebbero essere ricercati sempre più sul territorio nazionale a causa di una crescente scarsità generale. Da ciò anche la spinta a rivalorizzare terreni semiabbandonati o pensati come risorse preziose da conservare per le generazioni future.
Il concorso fotografico si propone, quindi, di documentare la corsa alla terra in Italia tramite racconti fotografici di storie esemplificative di questo ampio e variegato fenomeno.
Per maggiori informazioni sul tema delle Aree Fragili: www.lscmt.units.it/osti/terra/Landgrabbing.htm.

Regolamento

1. Il concorso è aperto a tutti i fotografi e fotoamatori che abbiano compiuto la maggiore età.
2. Sono ammissibili foto in formato digitale, bianco e nero o colori. Le immagini devono essere in formato JPG e avere una risoluzione di 72 dpi. Le fotografie dovranno essere denominate con cognome e nome del partecipante e il numero progressivo dell’immagine (es. rossimario1.jpg). L’eventuale titolo delle opere deve essere riportato nell’email che accompagna l’invio delle foto.
3. Ogni Partecipante può presentare fino ad un massimo di 15 opere.
4. La quota di iscrizione è di euro 15. Il versamento deve essere effettuato tramite bonifico intestato a: Coop Porto Alegre - Banca Popolare Etica - Iban: IT58E0501812101000000113118 - causale “Concorso fotografico 2013”. La data di esecuzione del bonifico non può essere posteriore al termine di scadenza per la presentazione delle opere. Ai fini dell’iscrizione è necessario compilare la scheda di iscrizione e inviarla a: areefragili@yahoo.com.
5. Le opere devono pervenire entro la data del 3 febbraio 2013 e devono essere inviate tramite email a: areefragili@yahoo.com. Il testo dell’email deve riportare il titolo delle opere, secondo l’ordine progressivo indicato nella denominzione del file. Le foto devono essere accompagnate da un testo di presentazione, che descriva lo specifico caso di corsa alla terra individuato.
Le opere pervenute senza la quota di partecipazione e senza scheda di iscrizione non verranno giudicate.
7. Saranno assegnati tre premi: Primo premio: buono acquisto del valore di 200 euro da utilizzare in una Bottega del Commercio Equo e solidale + abbonamento rivista “Valori” + rivista fotografica (a scelta fra: Gente di Fotografia, Private Photoreview o una della serie fotografia.it); Secondo premio: buono acquisto del valore di 100 euro da utilizzare in una Bottega del Commercio Equo e solidale + abbonamento rivista “Valori” + rivista fotografica (a scelta fra: Gente di Fotografia, Private Photoreview o una della serie fotografia.it); Terzo premio: week-end a mezza pensione presso l’azienda agricola La Costigliola (www.lacostigliola.org) + abbonamento rivista “Valori” + rivista fotografica (a scelta fra: Gente di Fotografia, Private Photoreview o una della serie fotografia.it). Il giudizio delle Giuria è inappellabile e insindacabile.
8. I premi non sono cumulabili e potranno essere ritirati in occasione della cerimonia di premiazione ufficiale, dal vincitore o da persona delegata per iscritto.
9. Le Opere verranno esposte in concomitanza del Convegno e nell’ambito della manifestazione Terra Futura (www.terrafutura.it). La scelta delle opere da stampare e del formato di stampa è a totale discrezione dell’organizzazione. Tutte le opere pervenute, purché inerenti al tema, saranno rese pubblicamente visibili sul web ai seguenti indirizzi: www.flickr.com/photos/areefragili/ e www.zoes.it/aree-fragili. Ai Partecipanti le cui opere saranno scelte per la stampa verrà richiesto l’invio del file in alta risoluzione.
10. Ogni Autore è responsabile del contenuto delle proprie opere e ne autorizza l’uso gratuito da parte dell’organizzazione per usi senza scopo di lucro e inerenti al tema “Corsa alla terra nelle aree fragili”. L’organizzazione si impegna a citare sempre il nome dell’Autore.
11. Con l’accettazione del presente regolamento ogni partecipante autorizza il trattamento ai dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/03 per tutti gli adempimenti necessari all’organizzazione per lo svolgimento del concorso.

Termine di presentazione delle opere: 3 febbraio 2013.

Comunicazione dei risultati: 3 marzo 2013 (la comunicazione sarà pubblicata sulla pagina http://www.zoes.it/aree-fragili).

Proclamazione dei vincitori: 16 marzo 2013.

Giuria

1. Marco Baravalle - Curatore
2. Laura Callegaro - Fotografa
3. Giovanni Delli Zotti - Direttore Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Trieste
4. Lodovica Mutterle - Coordinatrice soci polesani di Banca Etica
5. Andrea Semplici - Fotografo e giornalista
6. Elisabetta Tramonto - Giornalista di “Valori”

Per maggiori informazioni sul concorso scrivere a Laura Callegaro (areefragili@yahoo.com). I partner dell’iniziativa sono la Provincia di Rovigo, la Fondazione culturale “Responsabilità etica”, l’onlus “Porto Alegre Cnca”, la cooperativa “La Costigliola”, i “Sociologi dell’ambiente e del territorio”, l’Università di Treiste, il webmagazine “Cliché” e la rivista “Valori”.