Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Setembar dal 2012
 
Gli studenti friulani a Venezia

Il workshop promosso dalla Consulta nazionale della Proprietà collettiva alla Conferenza sulla Decrescita di Venezia
Alcune scuole friulano hanno partecipato attivamente alla III Conferenza internazionale sulla Decrescita
A LEZIONE DI DECRESCITA
Un apposito confronto si è svolto il 20 settembre, nella giornata dedicata ai Beni comuni

[Alberto Fabris]
Dalla scarsità di informazioni presenti nei testi scolastici sul tema della Decrescita alla ricerca dei reali indicatori del benessere, dall’analisi sulla sicurezza dei prodotti alimentari all’eccessiva cementificazione nella nostra regione. Questi i problemi su cui si sono confrontati, il 20 settembre scorso, un centinaio di studenti delle scuole superiori provenienti da istituti del Friuli, di Trieste e del Veneto, in occasione della III Conferenza Internazionale su Decrescita Sostenibilità Ecologica ed Equità Sociale, svoltasi a Venezia dal 19 al 23 settembre (www.venezia2012.it).

Nell’ambito dell’iniziativa, promossa dall’Università friulana in collaborazione con il Movimento di Volontariato Italiano regionale, è stata organizzata una corriera per i 50 partecipanti provenienti dalle scuole Manzini di San Daniele, Gortani di Tolmezzo e dall’Istituto Agrario di Spilimbergo.
In mattinata, i ragazzi hanno potuto prendere parte ad alcuni interventi dell’assemblea plenaria incentrata sul tema dei Beni Comuni, mentre nel pomeriggio hanno partecipato ad un incontro fra scuole, in cui ogni classe ha presentato i propri elaborati su temi legati alla sostenibilità ed ad un’economia attenta al benessere. Oltre ad analizzare i problemi dei contesti in cui vivono hanno anche proposto soluzioni quali la “Green economy”, l’autoproduzione ed il riutilizzo di spazi e materiali. Infine, una classe ha esposto una ricerca sui comportamenti al consumo all’interno della propria scuola. A fare da cornice, l’intervento del biologo Gianni Tamino, docente universitario e membro dell’Associazione per la decrescita.
Per Corrado che ha presentato l’intervento del Gortani su “La Decrescita nei testi scolastici” l’esperienza è stata una novità. «Non avevo mai avuto occasione di parlare in pubblico davanti ad un centinaio di persone. Ma la giornata è stata interessante per tutta la classe soprattutto per la possibilità di ascoltare opinioni e idee di persone provenenti da altre parti del mondo su un tema comune, quale la decrescita».
Secondo la maggioranza degli studenti il confronto del pomeriggio è stato il momento culminante dell’esperienza. Francesca della V Linguistico di San Daniele, afferma che «l’aspetto che mi ha maggiormente colpito è stato l’intervento del professor Tamino, al termine delle presentazioni degli studenti, per la chiarezza dei concetti rispetto ai temi della decrescita e dei beni comuni e per l’analisi lucida di una società dove spesso prevale l’avere sull’essere».
In sintesi, come spiega Gian Marco dell’Agraria di Spilimbergo, «pur essendo stata una giornata faticosa dal punto di vista organizzativo, ha colpito il mio interesse per i temi trattati e per la concretezza con cui sono stati presentati anche da parte degli studenti nei lavori del pomeriggio».