Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Avrîl dal 2012
 

Il Comitato sarà eletto domenica 6 maggio, dalle 8 alle 17
SAN MARCO AL VOTO
Inizia la gestione diretta dei Beni civici della Frazione di Mereto di Tomba

Anche nel Comune di Mereto di Tomba, c’è una Comunità che attende con impazienza la tornata elettorale del 6 maggio. Si tratta della Frazione di San Marco che, per la prima volta nella sua storia, eleggerà ufficialmente un Comitato per la gestione dei Beni civici.
Si voterà dalle 8 alle 17, presso la Sala della Comunità (in via del Monumento 21), dove tutti i residenti potranno esprimere il proprio consenso per i 5 compaesani che si sono offerti di amministrare la Proprietà collettiva di San Marco.


Il voto del 6 maggio giunge dopo un percorso condiviso di riscoperta dell’antico patrimonio civico e per la definizione degli obiettivi di gestione dei 5 ettari superstiti degli antichi “Comunali” e delle storiche “Comugnis”, nonché per l’espletamento delle incombenze burocratiche previste dalla normativa statale e regionale in materia di Demani civici.
L’unità d’intenti e l’affiatamento dell’intera Comunità ha fatto sì che al voto sia stato presentato un numero di candidati pari ai componenti del Comitato, che resterà in carica per 4 anni. I componenti della lista unitaria sono: Paola Fabello, Massimo Moretuzzo, Paolo Rovere, Nensi Salvador e Andrea Uliana.
L’esemplarità del percorso fatto da San Marco e la portata storica della consultazione democratica sono state sottolineate a più riprese dal sindaco di Mereto di Tomba, Andrea Cecchini, che con la sua Amministrazione ha collaborato fattivamente per il conseguimento del traguardo e che, nell’assemblea pubblica di presentazione dei candidati, il 19 aprile scorso, ha auspicato che tutte le Frazioni del Comune seguano l’esempio di San Marco. Congratulazioni e incoraggiamento sono giunti anche dal Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, che ha accompagnato passo passo il percorso della Comunità, dedicando ad essa la Festa regionale della Proprietà collettiva del 2011.
«Le votazioni di domenica 6 maggio sono un segno importante per l’intero Medio Friuli – ha affermato il coordinatore regionale, Luca Nazzi, alla recente assemblea paesana – e un momento di speranza per tutta la nostra regione. Qui, a San Marco, abbiamo la prova che dalle Comunità che gestiscono attivamente le proprie risorse comuni ci vengono le risposte di cui abbiamo bisogno per superare positivamente la drammatica crisi economica e politica in cui siamo immersi».
Il clima festoso che accompagna il voto di domenica 6 è sottolineato dalla scelta di inserire la tornata elettorale all’interno della tradizionale “Fieste dal paîs di San Marc”, in programma dal 4 al 6 e poi dall’11 al 13 maggio, con i tradizionali appuntamenti culturali, sportivi e gastronomici messi a punto dall’Associazione “Paîs di San Marc” (www.paisdisanmarc.it), nell’area della Sala della Comunità.
A Comitato eletto, sabato 12 maggio, tutto il paese avrà un’importante occasione di riflessione sulle opportunità offerte dalla gestione diretta dei Beni civici, grazie al convegno regionale “Dalla Terra alla Comunità”.
Promotori dell’iniziativa, insieme all’Associazione “Paîs di San Marc”, sono il Centro di Volontariato Internazionale “Ce.V.I.”, il Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, i Dipartimenti di Scienze agrarie e ambientali e di Scienze umane dell’Università friulana, il Gruppo di volontariato civile “Gvc” e la Rete regionale di economia solidale “Res Fvg”.
Dalle 9 alle 18, la discussione verterà «sull’attuale modello di sviluppo agricolo e sulle sue contraddizioni, per cercare in maniera partecipata di riflettere sulle proposte per un’economia diversa, con imprenditori differenti, con impatti ambientali ridotti, con comunità presenti e solidali», prendendo spunto dalla comunità di San Marco, che «oggi si riappropria dell’antico diritto di proprietà collettiva su 5 ettari di terreno».