Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Març dal 2012
 

Conferenza a Trento, giovedì 29 marzo
COMUNITà FORESTALI: FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
Un confronto a partire dal concetto di “Community forestry”

[M. Z.]
«Comunità è oggi un sinonimo di Paradiso perduto, ma un paradiso nel quale speriamo ardentemente di poter tornare e di cui cerchiamo dunque febbrilmente la strada»: questa affermazione del sociologo polacco Zygmunt Bauman è stata scelta per annunciare la conferenza “Comunità forestali: tra tradizione e innovazione”, in programma a Trento giovedì 29 marzo.
I lavori si apriranno alle 9, presso la Camera di commercio del capoluogo trentino (in via Calepina 13), che organizza l’evento insieme alla Provincia e al Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura “Cra”.


I lavori della conferenza “Comunità forestali: tra tradizione e innovazione” saranno incentrati sul concetto di “community forestry”, che nell’introduzione all’evento viene così presentato: «Il concetto di “community forestry” fa riferimento ad una proprietà forestale gestita da una comunità i cui membri si ripartiscono i benefici della gestione. Tale concetto viene utilizzato, molte volte anche in modo improprio, per descrivere svariate situazioni che vanno dalle tradizionali proprietà collettive (“common forests”), alle moderne “community forestry” dei Paesi ad economia avanzata nate con l’obiettivo di accrescere la partecipazione delle comunità locali nella gestione delle foreste, sino alle “community-based forest management” tipiche dei paesi africani e asiatici.
L’obiettivo della presente conferenza è quello presentare ad un vasto pubblico il concetto di “community forestry” attraverso un inquadramento teorico e alcuni casi di studio al fine di comprendere l’importanza di questo approccio alla gestione della risorse naturali».
Dopo i saluti delle autorità (presidenti e direttori dell’Associazione Forestale del Trentino, della Camera di commercio, del Consorzio dei Comuni Trentini, del “Cra” e di “Federforeste”, nonché il rappresentante della Provincia autonoma), la prima sessione prenderà in esame “Il concetto di comunità nelle scienze sociali e forestali”.
Mauro Leveghi modererà gli interventi di Gabriele Pollini del Dipartimento di Sociologia Ricerca Sociale dell’Università di Trento (“Appartenenza territoriale nelle comunità rurale”), di Maria Giulia Cantiani del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università di Trento (“I modelli decisionali inclusivi come strumento per creare un senso di comunità”), di Paola Gatto ed Elisa Tommasella del Dipartimento Territorio e Sistemi Agro Forestali dell’Università di Padova e di Stefano Lorenzi del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva del Veneto (“Common forests e produzione di servizi ecosistemici: il ruolo centrale delle Proprietà collettive nella Regione Veneto”).
Nella seconda sessione verranno esaminati alcuni casi di studio di “Common forests” e di “Community forestry”. Con il moderatore Remo Tomasetti interloquiranno Alessandro Paletto e Chiara Lora del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (“Cra-Mpf) su “Community forestry in Africa e in Europa: due modelli a confronto”; Carla Inguaggiato del Dipartimento di Sociologia Ricerca Sociale dell’Università di Trento su “Le cooperative agricole del Mozambico: un’analisi sociale e relazionale”; il consulente in pianificazione territoriale Marco Focacci su “Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell’altopiano centrale del Guatemala”; Isabella De Meo e Dario Cocciardi del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (“Cra-Abp”) su “La gestione delle foreste di proprietà collettiva: un’analisi percettiva nella comunità del Pinetano”; e Lodovico Molinari della Federazione italiana delle Comunità forestali - Federforeste su “L’Associazionismo forestale un modello per coinvolgere la proprietà nella gestione”.
Alle 14, la conferenza proseguirà con una tavola rotonda animata da Marino Simoni, presidente del Consorzio dei Comuni trentini; Giuseppe Zorzi, Scario della Magnifica Comunità di Fiemme; Giovannini Roberto, presidente dell’Associazione delle “Asuc” del Trentino; Ciro Pederniana, presidente della Consortela Monte Sole; Zeffirino Castellani, presidente della Comunità delle Regole di Spinale e Manez; Guido Dezulian, regolano della Regola Feudale di Predazzo; e Mauro Fezzi, presidente dell’Azienda forestale di Trento-Sopramonte.
Le conclusioni saranno proposte da Romano Masè del Dipartimento Risorse forestali e montane della Provincia autonoma di Trento.
La Segreteria della conferenza sarà curata dall’Associazione forestale del Trentino (referente Remo Tomasetti - 335 5910407
- remo.tomasetti@virgilio.it) e dal “Cra-Mpf” (Unità per il Monitoraggio e la Pianificazione forestale del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura - referente Alessandro Paletto - 0461 381115 - fax 0461 381131 - alessandro.paletto@entecra.it).