Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Zenâr dal 2012
 

Un’assemblea dei frazionisti di Givigliana e Tors
Rinnovati completamente i Comitati per l’amministrazione dei Beni civici della Val Degano
UN PATRIMONIO DI OLTRE 2 MILA ETTARI DI BOSCHI DI PRODUZIONE
Si è votato a Givigliana e Tors, Ovasta, Tualiis e Noiaretto e a Pesariis

[M. Z.]
Con le votazioni ad Ovasta di Ovaro, svoltesi l’11 dicembre, si è conclusa la tornata elettorale che ha rinnovato completamente i Comitati per l’amministrazione dei Beni civici della Val Degano.
Si è infatti votato anche a Tualiis e Noiaretto, in Comune di Comegliàns (2 ottobre); a Givigliana e Tors, in Comune di Rigolato (23 ottobre); e a Pesariis, in Comune di Prato Carnico (20 novembre).


Nel Canal di Gorto, la Proprietà collettiva è presente pure attraverso la forma delle Comunioni familiari, attive a Collina di Forni Avoltri e a Liariis di Ovaro (ove i rispettivi comitati d’amministazione sono stati rinnovati negli anni scorsi).
Nelle altre Frazioni dei Comuni della vallata, compreso Ravascletto, i Beni civici non sono ancora gestiti direttamente dalle popolazioni proprietarie, ma dai Comuni, che per legge sono tenuti a rendicontare ed amministrare i proventi di boschi e pascoli collettivi attraverso appositi bilanci separati.
In Carnia, poi, resta quella che il Coordinamento regionale della Proprietà collettiva definisce una «incresciosa eccezione»: a Priola e Noiariis di Sutrio, infatti, l’Amministrazione comunale continua a rinviare le votazioni, prolungando «l’innaturale commissariamento del Comitato dei Beni civici, che si protrae dal 2008, nonostante i numerosi appelli della comunità locale, le proteste del Coordinamento regionale e i richiami ufficiali dell’assessorato regionale alle autonomie locali». Inoltre, lo stesso commissario straordinario, Aurelia Bubisutti, ha ufficialmente dichiarato concluso fin dal mese di maggio del 2011 il compito affidatole dalla Regione.
L’ultimo Comitato frazionale rinnovato in Carnia è dunque quello di Ovasta. Al voto dell’11 dicembre sono risultati eletti Giuliano Rotter, Pier Paolo Timeus, Cristian Timeus, Renzo Timeus e Devis Gortan. Presidente è stato successivamente confermato l’uscente Renzo Timeus.
Gli altri Comitati, all’opera per il prossimo triennio in Canal di Gorto, sono così composti: a Tualiis e Noiaretto, Michele Gracco (presidente), Pietro Di Piazza, Armando Gracco, Pierino Di Piazza e Piergiorgio Di Piazza; a Givigliana e Tors, Fulvio Del Ponte (presidente), Adriano Faleschini, Ernesta Gortana, Mario Gortana e Maria Rita Beorchia; a Pesariis, Emilio Cleva (presidente), Paolo Cleva, Elena Casali, Dino Solari e Ornella Gonano.
Complessivamente, le Proprietà collettive del Canal di Gorto gestiscono un patrimonio che supera i duemila ettari di boschi di produzione, alcune malghe, rifugi alpini e varie strutture ricettive.
Da alcuni anni, su impulso del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, è attivo il Progetto di gestione forestale associata, che fino a oggi ha consentito la gestione diretta dei Boschi civici di Pesariis, di Givigliana e di Collina.