Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Dicembar dal 2011
 
Un’immagine di Farnese, tratta dal sito http://www.farneseonline.it/

Il Comune intende alienare centinaia di ettari
“SOS” PER LE TERRE COLLETTIVE DI FARNESE
Appello alla presidente della Regione Lazio

«Voglio richiamare la vostra attenzione sulle decisioni gravi che sono state adottate dal Consiglio e dalla Giunta comunale di Farnese (Vt), al fine di privatizzare, a prezzi irrisori, le terre comuni (500 ettari circa)»: inizia così l’appello a favore dei Beni civici di Farnese, firmato da Alessandro Stiglitz di “Legambiente Farnese”.

Le terre comuni di Farnese sono di particolare valore paesaggistico e ambientale: 120 ettari ricadono infatti all’interno della Riserva naturale del Lamone, 50 ettari sono soggetti a vincolo per la tutela delle sorgenti.
Occorre premettere che l’ente che amministra le terre collettive – per la comunità che ne detiene il diritto di proprietà – è il Comune di Farnese, il quale ha poteri di amministrazione.
In altre parole, le terre collettive sono di proprietà della popolazione di Farnese e il Comune altro non dovrebbe essere che un semplice organo di amministrazione o gestione di beni che non gli appartengono.
Il Consiglio comunale di Farnese, che ha il dovere dunque di tutelare i diritti della collettività sulle terre collettive, ha deciso invece di privatizzarle. Dietro il pagamento di una somma pari alla misura massima di euro 3000,00 ad ettaro da parte degli occupatori abusivi si stanno alienando centinaia di ettari.
Gli atti di alienazione sottoscritti dal Sindaco del Comune, e dai vari occupatori abusivi, sono stati trasmessi alla Regione Lazio per l’approvazione.
In poche parole si sta procedendo alla privatizzazione di terreni demaniali civici e ad un prezzo che rappresenta una svendita dei beni in questione, essendo quest’ultimo manifestamente inferiore rispetto ai correnti valori di mercato.
A questo punto la decisione passa alla Regione Lazio.
Occorre agire subito per impedire che le conciliazioni sottoscritte dal Comune di Farnese e dagli occupatori abusivi vengano accolte dalla Regione Lazio e che la comunità di Farnese perda la piena proprietà delle sue terre.
Potete aiutarci, facendo circolare sui siti dei Gruppi del Consiglio regionale la seguente parola d’ordine; «Presidente Polverini, le terre collettive di Farnese non si svendono».
Fate circolare su Facebook, su Twitter e su tutti i siti che riterrete utili.

Alessandro Stiglitz
Legambiente Farnese