Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Dicembar dal 2010
 
Michele Kowatsch, presidente dell’antico Consorzio vicinale di Pontebba Nova

Malga Auernig, monticata nel periodo estivo con 45 capi appartenenti ad un ragazzo di 24 anni che si occupa anche di malga Tratten. Una volta all’anno la malga si ripopola di persone convocate per una giornata di festa dall’antico “Nachbarschaft Pontafel”
Intervista con il presidente dell’antico Consorzio vicinale di Pontebba Nova, Michele Kowatsch
NACHBARSCHAFT PONTAFEL
Il servizio è stato pubblicato sul numero 16 del periodico “La Vicìnia”

Il “Nachbarschaft Pontafel”, vale a dire l’antico Consorzio vicinale di Pontebba Nova, che gestisce dal 1869 la Proprietà collettiva alla porta ovest della Val Canale (www.consorziopontafel.com - consorzio_cvpn@yahoo.it), è oggi presieduto da un giovane e dinamico presidente. Si chiama Michele Kowatsch, ingegnere gestionale di 32 anni, chiamato alla guida del Consorzio nel 2010, dopo 6 anni di servizio come vicepresidente. Lo abbiamo intervistato durante la “Festa delle quattro malghe”, organizzata dai Consorzi vicinali di Pontebba e della Gailtal, il 7 agosto, presso malga Garnitzen, nel cuore del polo sciistico di Nassfeld/Pramollo.

Presidente, qual è la consistenza della vostra proprietà?
La proprietà del Nachbarschaft Pontafel si estende su circa 3 mila 500 ettari, perlopiù nell’area racchiusa fra il fiume Fella a Sud, il torrente Pontebbana ad Ovest, il confine con la Carinzia a Nord, il Rio degli Uccelli ed il Rio Bianco ad Est. Tale territorio comprende le nostre malghe, boschi, pascoli e baite. Gli edifici di nostra proprietà a Pontebba sono la vecchia latteria sociale e la palazzina comprendente parte del negozio d’abbigliamento della famiglia Picco. La prima, recentemente ristrutturata ed in fase d’ultimazione, comprende la sede del Consorzio e 2 unità abitative; la seconda parte del negozio e altre 2 unità abitative. La latteria, per decenni punto di riferimento per gli allevatori della zona, è rimasta operativa fino agli anni ’80. Oggi è stata riconvertita a sede sociale con relativo archivio e sala riunioni.

Quali sono le vostre attività principali?
Il Consorzio garantisce il godimento collettivo dei diritti sui fondi di natura agro-silvo-pastorale e sui beni mobili ed immobili di proprietà. Concorre allo sviluppo economico e sociale degli 88 aventi diritto, destinando i propri beni ad attività agro-silvo-pastorali al recupero e mantenimento della proprietà collettiva ed è impegnato anche in attività di servizio per l’intera comunità.

Il vostro Consorzio è, per così dire a “numero chiuso”, in base a quale criterio?
Fanno parte del Nachbarschaft Pontafel 88 edifici, i cui proprietari nel 1869 parteciparono all’acquisto della proprietà dalla Signoria di Federaun; ogni casa ha un diverso numero di quote di partecipazione al Consorzio, che complessivamente sono 356, regolarmente iscritte presso l’Ufficio Tavolare.

Qual è esattamente la vostra natura giuridica?
Il Consorzio è riconosciuto come persona giuridica di diritto privato e, in base allo statuto, è un’associazione senza fini di lucro. Con Dpgr. 10.3.2000, 77/Pres. è stata riconosciuta la sua personalità giuridica come consorzio di Comunioni familiari, ai sensi della legge regionale 3/1996. Va ricordato che i beni immobili, per la loro origine e natura, sono inalienabili e indivisibili. È interessante sottolineare la caratteristica per la quale l’appartenenza al Consorzio non si tramanda di generazione in generazione, ma è strettamente legata a colui che gode della proprietà del fabbricato. Se qualcuno vende una casa avente quote di partecipazione al Nachbarschaft, automaticamente queste passano al nuovo acquirente; l’intenzione era quella di far sì che il patrimonio comune fosse sempre gestito da coloro che avevano un reale interesse per il territorio, vivendo in paese.

Quali sono i vostri principali obiettivi?
La nostra politica è focalizzata sul recupero dell’importante patrimonio storico immobiliare, con un occhio rivolto alle origini e con l’altro diretto verso i mutati contesti socio-economici che stiamo vivendo, cercando di coniugare tradizione e futuro.

Cosa occorre per arrivare alla meta?
Puntiamo sulla volontà di avviare una nuova economia di montagna, la cura e la riscoperta del territorio, la valorizzazione ed il recupero di fabbricati talvolta diroccati o in disuso che possano dare un aiuto al reddito di chi vive la montagna. È bello poter dire che le malghe Tratten ed Auernig sono monticate nel periodo estivo con 45 capi appartenenti ad un ragazzo di 24 anni, che porta avanti la cultura casearia rurale. È bello rivedere una volta all’anno malga Auernig che si ripopola di persone col solo scopo di vivere in semplicità un’autentica giornata in mezzo ai pascoli. È bello riscoprire che la nostra tradizione è sopravvissuta a 50 anni di infrastrutture e cemento selvaggio, ed è ancor più bello vedere che i semi della nostra cultura attecchiscono nelle nuove generazioni.

Da giovane, cosa si aspetta dai soci?
Mi auguro che la nuova generazione di consorziati porti idee fresche per continuare a vivere in sintonia con la nostra montagna, senza subire nuovamente l’inquinamento d’ingannevoli economie non scritte nelle rocce delle Alpi. La via da seguire è riscoprire chi siamo per riportare, in un nuovo contesto, il Nachbarschaft Pontafel ai fasti di un tempo e per rendere orgogliosi tutti i soci di farne parte rispolverando il concetto di comunità orientata al bene comune.

Nachbarschaft Pontafel - Consorzio Vicinale di Pontebba Nova

33016 PONTEBBA (UD) - Via Mazzini 92
Tel. e fax: (0039) 0428 90336
www.consorziopontafel.com
consorzio_cvpn@yahoo.it

Consiglio di amministrazione:
Kovatsch Michele - Presidente
Buzzi Fulvia - Vice Presidente
Clauderotti Daniele - Consigliere
Kampfer Elias - Consigliere
Vuarich Paolo - Consigliere
Biondi Franca - Segretaria

Collegio dei sindaci:
Oggian Efrem - Presidente
Di Marco Vittorio
Nassimbeni Daniele

Il CdA si riunisce, presso la sede, ogni lunedì sera alle ore 21 eccetto l’ultimo lunedì di ogni mese in cui il consiglio si riunisce alle ore 19.