Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Mai dal 2010
 

Cerimonia a Sostasio di Prato Carnico, mercoledì 5 maggio
“SA DI LEGNO” AL “LICôF”
Passo decisivo «verso la creazione di un distretto produttivo di edifici in legno termo-autonomi e certificati» in Val Pesarina

È sorta a Sostasio, in Val Pesarina, la prima abitazione certificata “CasaClima B Più” in Friuli. L’ha progettata e realizzata l’ingegnere Samuele Giacometti che, mercoledì 5 maggio, riceverà dalle mani dell’assessore provinciale Stefano Teghil la targhetta CasaClima. La cerimonia è stabilita per le ore 11.
La casa “Sa Di Legno” (che prende il nome dai suoi abitanti: Samuele, Sarah, Diego e Diana Giacometti) è pure la prima che ha ottenuto i contributi del Fondo sperimentale per l’efficienza energetica in edilizia, bandito dalla Provincia di Udine.
Il legname utilizzato per la sua costruzione è stato fornito dai boschi certificati della Proprietà collettiva di Pesariis (www.pesariis.it), la quale ha sposato con convinzione l’inizitiva del progettista di Fabriano, che dal 2005 lavora a Prato Carnico.
Per illustrare «come un progetto così legato alla tradizione possa diventare modello di innovazione e di efficienza energetica», l’Agenzia provinciale per l’energia “Ape” di Udine ha pubblicato sul proprio sito un articolo, che riproduciamo, insieme con le motivazioni che hanno spinto l’Amministrazione frazionale di Pesariis a sostenere il progetto e che sono esposte nel sito www.sadilegno.it.


Certificazione CasaClima per “Sa Di Legno”

Raggiunto il traguardo dell’efficienza energetica per “Sa Di Legno”, la casa costruita con legno locale a Sostasio (comune di Prato Carnico): la casa è stata certificata CasaClima B Più, con un fabbisogno di 43 kWh/m2a.
Il successo di questo progetto, però, riguarda anche la sostenibilità ambientale: innanzitutto perché è stato realizzato con legno cosiddetto a “km zero”, scelto tra gli alberi del bosco che circonda la casa e lavorato a breve distanza. Inoltre il ricorso alla legna ed all’energia solare per soddisfare il proprio fabbisogno di energia dimostra come sia possibile pensare alle risorse locali e sfruttarle in modo razionale.
L’idea di una casa in legno effettivamente eco-sostenibile è del progettista e proprietario dell’abitazione, Samuele Giacometti, che ha saputo valorizzare la risorsa forestale collettiva, patrimonio della Val Pesarina, avvalendosi del sapere della tradizione, sul quale si è innestata l’innovazione.
La costruzione, quindi, può essere definita “casa a Cap 33020”, perché 33020 è il codice postale sia dell’indirizzo dell’abitazione, che del bosco da cui proviene il legno, che degli artigiani che l’hanno lavorato.
La casa, inoltre, sarà la prima a ricevere il contributo previsto dal fondo sperimentale per l’efficienza energetica in edilizia, lanciato dall’assessore all’Energia della Provincia di Udine, Stefano Teghil, la scorsa primavera.

(www.ape.ud.it)

Mestieri Pesariis

L’Amministrazione Frazionale di Pesariis - Proprietà Collettiva di Diritto Pubblico - gestisce direttamente il proprio patrimonio boschivo di produzione, rappresentato da 520 ettari di resinose e 280 ettari di latifoglie.
Essa è stata socio fondatore di LegnoServizi scrl, borsa regionale del legno, e una delle prime proprietà regionali ad ottenere la certificazione per la gestione sostenibile delle foreste (Pefc18-21-01 / 01).
Dal 2004 l’Amministrazione ha iniziato ad operare, oltre che sul bosco di produzione, anche su quello storicamente destinato ai Frazionisti per il diritto civico di legnatico (prelievi annui di legna da ardere per auto-consumo). È stato avviato infatti un modello innovativo di gestione della foresta ad uso civico (circa 180 ettari sulla Sinistra Pesarina, per metà affidati ai Frazionisti e per metà rientrati nella disponibilità diretta dell’Amministrazione), che consente i benefici ai residenti in montagna ma non depaupera la proprietà collettiva e l’ambiente.
Con questo spirito, valorizzazione della tradizione storica ed innovazione operativa, l’Amministrazione frazionale di Pesariis, fornendo legname certificato Pefc, ha aderito con entusiasmo al progetto presentato da Samuele Giacometti per una prima casa friulana realizzata interamente con legname locale e attrezzata con soluzioni d’avanguardia per ridurre al minimo i consumi e produrre anche energia dal sole.
Questa iniziativa si collega all’altro progetto strategico per la valorizzazione moderna della risorsa forestale collettiva dell’Amministrazione, quello di realizzare in collaborazione con Area Sciente Park di Trieste, al Passo Siera (m. 1600 slm) nelle Dolomiti Pesarine, un Rifugio alpino passivo, al servizio di flussi turistici ed escursionisti, ma anche destinato ad attività didattiche e scientifiche.
L’Amministrazione frazionale di Pesariis confida quindi che, al di là dell’oggettivo valore rappresentato dalla prima casa friulana in legname locale certificato, si possa procedere verso la creazione di un distretto produttivo di edifici in legno termo-autonomi e certificati da proporre al mercato, finalmente sensibile alla riduzione dell’inquinamento, ai consumi energetici e al rispetto dell’ambiente.

Delio Strazzaboschi, segretario dell’Amministrazione

(www.sadilegno.it)