Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Setembar dal 2009
 

La cuistion e ven frontade te gnove riviste “Tiere furlane / terra friulana”
IL PUEST DE PROPIETâT COLETIVE TE AGRICULTURE FURLANE
Saç di Gianfranco Ellero su “La pastorizia e le vicinie udinesi”

[Mario Zili]
No si sa se in cussience o par cumbinazion, ma za tal prin numar de gnove riviste di culture dal teritori “Tiere furlane / terra friulana”, publicade de Regjon tal męs di Jugn, un dai articui si confronte cu la problematiche des Propietâts coletivis.
Al č un saç che Gianfranco Ellero al veve prontât vie pal 1983, di chę strade dal congrčs de “Societât filologiche furlane” e che po al jere comparît tal volum “Udin”.
Il storic udinęs al fronte il rapuart fra “La pastorizia e le vicinie udinesi”, scrivint di cuant che «i furlans, ancje chei di citât, a jerin piorârs», e al palese ceműt che l’agriculture regjonâl – in chę volte – e stave sů in gracie dal sistem des Tieris civichis.
Il Popul des Tieris civichis, cumň, al brame che la riviste, nassude par iniziative dal assessôr regjonâl des risorsis agriculis, naturâls e forestâls Claudio Violino, e decidi di frontâ la cuistion des Proprietâts coletivis te sô atualitât e di confrontâsi cul puest che i spiete ancje in zornade di vuę, come spieli colaudât di gestion patrimoniâl dal teritori in forme usufrutuarie e come sistem di propietât fondât su la ecuitât intergenerazionâl e su la rinovabilitât des risorsis.


Tal so saç “La pastorizia e le vicinie udinesi”, Gianfranco Ellero al declare che la «lunga durata della pastorizia vicinale presuppone l’esistenza dei pascoli pubblici, proprietŕ collettive che appartenevano alle comunitŕ dei vicini (gli abitanti del “vicus”, cioč del villaggio) da tempo immemorabile».
La «agricoltura e la pastorizia venivano simultaneamente praticate per ottenere il massimo dei prodotti senza impoverire il suolo», ma «la progressiva espansione dei terreni arati, a danno dei beni comunali di proprietŕ collettiva, fu un fenomeno patologico che ruppe l’equilibrio fra popolazione e territorio», causionant ancje la fin de economie des Vicěniis.
Sul Cumon rurâl, ch’al jere il «titolâr de propietât coletive sui bens comunâi (che dispčs a jerin destinâts ancje par űs disferents dal passon) e di altris derits reâi», Ellero al scrîf: «stabiliva, dapprima “de facto” e poi “de jure”, un complesso di norme che tendevano ad assicurare la sopravvivenza, o meglio la sussistenza, di tutti i vicini (anche di coloro che non coltivavano terre private e potevano vivere “da pastori” sui terreni pubblici), ma nel contempo impedivano comportamenti individuali contrari agli interessi della comunitŕ».
In chęl sistem, duncje, «il rapporto di appropriazione, che inevitabilmente si instaura fra individuo e territorio, era mediato dalla comunitŕ, che doveva essere piuttosto piccola e demograficamente stabile».
La disparizion des Vicěniis de Basse, par Ellero, e je stade causionade de politiche viniziane in Friűl.
«La rottura dell’equilibrio socio-economico vicinale – al scrîf il storic udinęs – fu determinata dalla Repubblica Veneta che, a partire dalla metŕ del Seicento, per rinsanguare il suo erario iniziň a vendere i beni comunali ai privati.
Nacque cosě un’agricoltura familiare su basi ponderali, completamente sganciata dalla proprietŕ collettiva, nella quale l’allevamento degli animali era reso possibile dalla coltura dei foraggi sui campi arati».
L’articul di “Tiere furlane / terra friulana” al finěs cun cheste considerazion: «Le vicinie, svuotate di contenuti e raggrupate da Napoleone in Comuni amministrativi dei quali divennero “frazioni”, finirono la loro lunga vita nella prima metŕ dell’Ottocento, ma lasciarono la loro indelebile impronta sul volto del Friuli e sulle mappe dei “Comuni censuari” del Catasto.
Č un calco che possiamo ricostruire anche attraverso la dimensione delle parrocchie, gli statuti delle confraternite, la mentalitŕ di paese e la rivalitŕ esistente fra le frazioni di uno stesso comune. Nonostante la rivoluzione urbanistica indotta dalla diffusione dell’industria e dall’espansione edilizia, gli ambiti vicinali sono ancora riconoscibili sulla carta del Friuli e, soprattutto nelle zone periferiche, nello stesso ambito del comune di Udine».