Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Avrîl dal 2009
 
Pietro Nervi, presidente del Centro studi e documentazione sui Demani civici e le Proprietà collettive di Trento

Occorre sostenere il Centro studi di Trento
APPELLO DEL PRESIDENTE PIETRO NERVI
È possibile offrire un contributo tramite il 5xmille per la ricerca scientifica

«Con la riduzione dei fondi destinati alle Università, anche il Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive dell’Università di Trento apprende il venir meno delle sue risorse finanziarie»: la brutta notizia è stata diffusa il 23 aprile dal presidente Pietro Nervi, tramite la “Newsletter” del celebre istituto che, con le sue “Riunioni scientifiche” e con il suo quotidiano impegno culturale rappresenta la più alta autorità scientifica nel campo della Proprietà collettiva in Italia.

Per far fronte alla situazione di difficoltà il professor Pietro Nervi ha lanciato un appello al Popolo delle Terre collettive del Paese. «Come presidente del Centro – ha scritto – invito quanti ne apprezzano la presenza e la continuazione dell’attività a destinare il 5‰ a favore all’Università degli studi di Trento indicando il seguente codice fiscale: 00 34 0520 220.
Il contribuente non sostiene alcun costo, ma il versamento costituisce una preziosa entrata per il destinatario.
Secondo le modalità previste, occorre firmare sull’apposito riquadro del Modello 730–1bis oppure sul Modello Unico o sul CUD la destinazione del 5‰ dell’IRPEF indicando il codice fiscale dell’Università degli studi di Trento sopra indicato.
Grato per l’adesione al presente invito e con la speranza che il Centro possa continuare ad operare a sostegno della proprietà collettiva, porgo distinti saluti».