Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Zenâr dal 2009
 

Reazioni alla Mozione della XIV Riunione scientifica di Trento
INTERESSANTI PROSPETTIVE PER LE REGOLE
Il commento del periodico “Ladins”, a cura dell’“Ufize Liam Ladin”

A dicembre, il periodico “Ladins”, edito dall’“Ufize Liam Ladin” (www.ibrsc.sunrise.it) di Belluno, ha riprodotto integralmente la mozione approvata dalla XIV Riunione scientifica di Trento, già pubblicata dal nostro sito all’indomani dell’assise promossa nel novembre scorso dal “Centro studi e documentazione sui Demani civici e le Proprietà collettive” (www.jus.unitn.it/usi/civici).
Il documento è introdotto da un significativo commento, intitolato “Interessanti prospettive nuove per le nostre benemerite Regole”, che riproponiamo.


La situazione delle nostre Regole è certamente assai varia, ma un’idea è sempre fissa nella mente della gente: che il patrimonio debba sempre rimanere intatto, invariato. Pochi pensano invece che la Regola possa acquisire altre proprietà, assegnando alle stesse le consuete caratteristiche di inalienabilità , indivisibilità ecc. Orbene questo non è esatto e la proposta che scaturisce da Trento e che viene qui riportata ce ne fa certi e ci apre nuove prospettive.
A dir il vero, il tema prescelto a Trento aveva una mira particolare: cercare i rimedi alla frammentazione di tanti appezzamenti terrieri che così divengono economicamente improduttivi.
Nel mentre che la cosa, in quanto tale, ci riguarda solo marginalmente, fanno proprio al caso nostro i rimedi che sono stati proposti e che consistono essenzialmente nel consentire agli enti responsabili delle Proprietà collettive (per noi, le Regole) di acquisire nuove superfici territoriali, assicurando ad esse i requisiti di demanialità civica, inalienabilità, insucapibilità, imprescrittibilità e immutabilità di destinazione e promuovere l’istituzione di comitati di ricostituzione o di nuova costituzione di Proprietà collettive da garantire con i requisiti di cui sopra.