Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Dicembar dal 2008
 
Gian Pietro Menegus, presidente delle Regole di San Vito

Una consuetudine per le Regole di San Vito
IN DONO LEGNA DA ARDERE E ALBERI DI NATALE

Com’è buona consuetudine, le Regole di San Vito già da tre anni a questa parte, migliorando man mano il servizio grazie all’esperienza acquisita, offrono la legna alle persone anziane del paese, anche non regoliere.

«Quest’anno, per evitare problemi di vario tipo, abbiamo deciso di portarla a domicilio, già spaccata e pronta all’uso. Sono circa una cinquantina di consegne per un quantitativo totale di 700 quintali di legna, a totale carico delle Regole», spiega il presidente Giampietro Menegus.
«La gente apprezza il dono. Chiaramente dopo aver rispettato in primis le esigenze dei regolieri, abbiamo pensato che fosse opportuno pensare anche agli altri. Non siamo più nel Medioevo, quando i Laudi erano così ristretti da garantire solo i diritti dei Regolieri e quindi noi abbiamo pensato di andare incontro alle esigenze un po’ di tutti. Ci siamo organizzati per portare a regolieri e non regolieri gratuitamente la legna destinata alle diverse famiglie. Abbiamo scelto un’età di base, abbiamo guardato esigenze e caratteristiche dei diversi nuclei. La legna costa e poi, non dimentichiamolo, per andarla a fare nei boschi, è necessario possedere la specifica attrezzatura. Un bancale da 2 mc di legna, già spaccata, di faggio, per alimentare una stufa, può bastare».
In questi giorni, inoltre, le Regole di San Vito, hanno inviato a vari Enti, tra cui il Comune, la lettera con la quale si propongono per donare gratuitamente gli alberi di Natale. Quest’anno sono una quindicina, quelli di grandi e medie dimensioni, che verranno gestiti dal municipio sul territorio e posizionati all’esterno dei vari edifici e nei punti strategici del paese e delle frazioni. Un’altra decina vanno alle Scuole, alle Forze dell’Ordine, alla Canonica e quest’anno «doneremo una decina di alberi di Natale di piccole dimensioni anche alla Provincia», puntualizza il presidente.
«Ciò fa capire che siamo vicini anche alle istituzioni – spiega Giampietro Menegus –. Poi ci sono quelli per i privati ad offerta. Ciò che incassiamo, va in beneficenza. L’anno scorso quanto abbiamo raccolto, è stato destinato al Gruppo di Insieme si può».