Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Març dal 2008
 

Il 1° aprile incontro a Torino del Comitato direttivo della Consulta nazionale
FACCIA A FACCIA REGIONE PIEMONTE E PROPRIETà COLLETTIVA

Il 1° aprile, a Torino presso la sede del Consiglio regionale, il Comitato direttivo della Consulta nazionale della proprietà collettiva incontra alle 12 la presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, e l’assessore all’Ambiente, parchi e aree protette, risorse idriche, acque minerali e termali, Nicola De Ruggiero, per discutere sulla lotta della Partecipanza di Trino, impegnata a difendere la sua autonomia nella gestione del Parco naturale regionale del Bosco delle Sorti.

Secondo caso in Italia, dopo Cortina d’Ampezzo, di Parco regionale affidato alla gestione di una Proprietà collettiva, Partecipanza e Bosco erano stati riconosciuti nel 1991, a conferma della validità della storica gestione operata dalla comunità delle antiche famiglie di Trino e dell’importanza delle antiche regole statutarie, elaborate nei secoli attraverso un’opera di revisione incessante, prudente e sempre attenta a garantire una singolare vitalità del patrimonio naturale.
Tale positiva esperienza sarebbe vanificata completamente se entrasse in vigore il Ddl. regionale n. 228 “Testo unico sulla tutela della aree naturali e delle biodiversità”, che – secondo la Partecipanza e la Consulta nazionale della proprietà collettiva – prevede un irrazionale e insensato accorpamento gestionale in un più esteso “Ente di gestione delle aree protette del Po vercellese/alessandrino e delle terre d’acqua”.
Le ragioni della Partecipanza sono state riassunte nella petizione “Perché salvare la Partecipanza di Trino ed il suo bosco delle sorti”, già in rete su questo stesso sito.