Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Lui dal 2007
 
La giunta regionale del Friuli-V. G.

La Giunta Illy si era solennemente impegnata già nel 2004
QUANDO UNA LEGGE ORGANICA PER LA REGIONE FRIULI-V. G.?
Va colmato un vuoto legislativo che risale allo statuto di autonomia

[Luche Nazzi]
La Giunta regionale del Friuli-V. G., venerdì 20 luglio, ha approvato le linee guida per la stesura di un disegno di legge di disciplina organica degli usi civici.

Sarà dunque colmato il vuoto legislativo che da oltre 40 anni il Popolo delle terre collettive del Friuli e del Carso triestino denuncia?
Manterrà i propri impegni il governo di Riccardo Illy?
Ci sarà tempo sufficiente per giungere alla approvazione di un provvedimento legislativo all’altezza delle necessità prima della fine della legislatura ormai alle porte?
Il fatto che, dopo mesi di consultazioni, di consulenze e di lavoro degli uffici, la giunta regionale sia riuscita ad approvare soltanto delle “linee guida” per la stesura e non un testo ufficiale di disegno di legge non pare affatto un dato confortante.
In attesa di poter pubblicare il testo ufficiale ed integrale del documento approvato in giunta, trascriviamo la nota diffusa dalla Regione tramite il quotidiano “Messaggero Veneto” del 21, con il titolo: “Usi civici, scatta la riforma”.
«La Giunta regionale – ha scritto il quotidiano – ha approvato, su proposta dell’assessore alle Autonomie Locali Franco Iacop, le linee guida per la stesura del disegno di legge di disciplina organica degli usi civici. La riforma dell’ordinamento degli usi civici, da annoverarsi tra gli interventi di innovazione normativa, è stata espressamente prevista nel programma legislativo della Giunta. L’assessore Iacop ha quindi rappresentato alla Giunta l’importanza di tale disegno di legge che si propone di dare risposta alle numerose e rilevanti problematiche riscontrate in questi anni, di tener conto delle trasformazioni intervenute nella realtà, di riconoscere la funzione ambientale, culturale ed economica dei beni di uso civico».