Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Març dal 2006
 

Lettera aperta alle autorità regionali
RISERVA NATURALE IN VAL ROSANDRA?
La Comunanza - Agrarna Skupnost delle Comunelle/Jus e Vicinie/Srenje nella Provincia di Trieste chiede la revoca immediata del Regolamento della Riserva regionale

Lettera aperta al presidente della Regione Friuli-V. G., Riccardo Illy; all’assessore regionale alle risorse agricole, naturali, forestali e montagna, Enzo Marsilio; al sindaco del Comune di San Dorligo della Valle/Obcina Dolina, Fulvia Premolin; ai consiglieri regionali Bruna Zorzini Spetic, Mirko Spazzapan, Igor Canciani, Igor Dolenc, Tamara Blazina

Siamo venuti a conoscenza del Regolamento della Riserva naturale regionale della Val Rosandra (l. r. 42/96, articoli 18 e 52 - Decreto del Presidente della Regione 27 ottobre 2005, nr. 0376/Pres.).
Considerato che con nota dd. 20/12/2005 il Comune di San Dorligo della Valle trasmetteva il regolamento in questione e comunicava la disponibilità da parte della Regione di apportare modifiche al Regolamento, con l’invito alle Comunioni familiari Comunelle/Srenje nel comune di San Dorligo della Valle, di esprimere le proprie proposte in merito alle modifiche da apportare al citato Regolamento regionale; considerato che in data 14.1.2006 si sono riunite le Comunelle/Srenje che ricadono nel comune di San Dorligo della Valle per prendere atto e per discutere del Regolamento in questione. Durante la riunione si è constatato che il Regolamento è stato imposto dalla Regione senza coinvolgere le comunioni familiari come invece previsto dalla Carta europea sull’autonomia locale approvata a Strasburgo il 15.10.1985, convertita nella legge n. 439 del 30 dicembre 1989 dallo Stato italiano, nonché dalla legge n. 97 del 31 gennaio 1994 “Nuove disposizioni per le zone montane”, con particolare riferimento all’art. 3 comma 4, dall’art. 21 della Legge di Tutela Globale 38/2001 e dagli accordi internazionali; inoltre nella stessa riunione si ha deciso di contattare un funzionario dei parchi regionali per illustrare la problematica del regolamento; considerato che la Srenja di Grozzana nella propria assemblea dd. 26.1.2006, dopo aver preso atto del regolamento in oggetto, ha constatato che lo stesso ha già causato dei grossi danni anche economici come ad esempio mancato taglio delle legna, riservandoci di richiedere il risarcimento del danno, domande in carte bollate per il taglio e transito con propri automezzi ecc.. All’unanimità la Srenja di Grozzana ha deliberato di respingere tale regolamento e di convocare un incontro tra le comunioni familiari presenti nel Comune di San Dorligo della Valle qui di seguito indicate: Prebeneg, Dolina, Boljunec, Borst, Ricmanje, Draga e Grozzana riunite nella Comunanza - Agrarna skupnost. La proprietà del 99% della superficie della Riserva in questione appartiene alle comunelle- srenje quale proprietà collettiva ed ai singoli consorti quale proprietà privata; visto che il 3 febbraio 2006 presso il municipio di Malborghetto si è tenuta una riunione dei rappresentanti delle Comunioni familiari del Friuli-V. G. presente anche l’assessore Enzo Marsilio, dove dopo aver approfondito varie problematiche sul territorio regionale, il rappresentante del consorzio privato di Collina di Forni Avoltri dichiarava che da anni è alle prese con una difficile convivenza con il parco Regionale del Monte Cogliàns: tale area di protezione non è mai stata effettivamente costituita ma sono comunque in vigore tutta una serie di onerosi vincoli, che impegnano il Consorzio a sbrigare mille pratiche burocratiche senza nessun beneficio. Durante la stessa riunione anche i rappresentanti delle Srenje Comunelle di Draga e Bagnoli del Carso triestino hanno espresso la loro contrarietà al regolamento in oggetto il quale è stato redatto ed approvato senza il coinvolgimento diretto degli interessati e delle istituzioni comunali. L’assessore Marsilio, dopo aver espresso la propria opinione su diverse problematiche, si è reso disponibile per approfondire e risolvere il gravoso problema in questione e garantiva che prima di costituire il parco del Carso si sarebbe proceduto all’inverso dal basso verso l’alto (bottom-up) e precisamente con l’approvazione del piano di conservazione e sviluppo con il coinvolgimento degli interessati e con un atto amministrativo separato si sarebbe redatto un regolamento con la successiva costituzione del Parco del Carso; vista la successiva riunione del 15.2.2006 con la presenza di tutte le Srenje nel Comune di San Dorligo della Valle dove doveva partecipare anche il dottor Ferruglio per illustrare la problematica del regolamento, ma per impegni presi non è potuto intervenire alla riunione; pertanto si è deciso che il Presidente della Giunta Regionale dovrebbe immediatamente revocare tale regolamento; inoltre si è fissata la data del 21.2.2006 per un ulteriore incontro per approfondire la problematica e per formulare la richiesta di revoca del regolamento regionale; considerato che il Sindaco del Comune di San Dorligo della Valle convocava le Comunelle /Srenje a partecipare alla riunione per martedì 21 febbraio alle ore 11 per discutere del regolamento della Riserva Naturale Regionale della Val Rosandra – in quest’occasione le Comunelle/Srenje esprimevano la propria contrarietà verso il regolamento, richiedendo al Sindaco di appoggiare la richiesta di revoca immediata indirizzata al Presidente della Giunta Regionale – le Comunelle proponevano altresì di convocare una successiva riunione per discutere ed approvare una bozza del piano di conservazione e di sviluppo, necessaria per una successiva approvazione di un ex-novo Regolamento; tutto ciò premesso e tenuto conto che le norme contenute nel regolamento di cui all’oggetto contrastano con gli articoli 10, 17, 33 della Legge Regionale nr. 42 del 30.9.1996 e viste le deduzioni scaturite nelle riunioni assembleari di cui sopra e tenuto conto che detto Regolamento è contestato in pieno dalla popolazione locale, si chiede la revoca immediata del suddetto Regolamento della Riserva Naturale della Val Rosandra (Ts).

Metlika Silvester, vicepresidente

Presidenti Srenje

Viljem Bandi, Prebeneg
Oskar Slavec, Dolina
Silvester Metlika, Boljunec
Edvin Komar, Ricmanje
Stevo Zahar, Borst
Ileana Ferfoglia, Draga
Janko Grgic, Grocana

Trieste, 21.2.2006