Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Març dal 2018
 

A Clavais, Collina, Forni di Sotto, Liariis e Nogaredo di Corno le Amministrazioni comunali non riconoscono i diritti della propria gente
COMUNI CONTRO COMUNITą
Un servizio del settimanale “La Vita Cattolica” affronta il tema della mancata applicazione, in Friuli-V. G., della legge statale 278/1957

Lo scandalo della mancata applicazione, in Friuli-V. G., della legge statale 278/1957 per la “Costituzione dei Comitati per l’amministrazione separata dei beni civici frazionali” č tornato alla ribalta, nei giorni scorsi, grazie ad un servizio del settimanale “La Vita Cattolica”.
Nel numero del 14 marzo, l’articolo “Comuns cuintri Comunitāts” riassume le vicende delle Comunitą di Forni di Sotto, di Collina in Comune di Forni Avoltri e di Clavais e Liariis in Comune di Ovaro, ove i rispettivi sindaci si sono opposti alla formale richiesta delle popolazioni locali.
L’articolo, pubblicato in lingua friulana e qui presentato anche in una nostra versione italiana, tratteggia le vicende di altre due Comunitą friulane alle prese con l’opposizione della burocrazia regionale. Si tratta di Nogaredo di Corno in Comune di Coseano e di Tomba in Comune di Mereto.
Soltanto nell’ultimo caso, l’Amministrazione comunale si č schierata con la propria gente, che ha potuto finalmente iniziare a gestire i propri Beni, come stabilisce in maniera finalmente chiara e incontestabile la nuova normativa statale, varata nel novembre 2017.


Comuns cuintri Comunitāts

A Clavaiis, Culine, For Disot, Liariis e Nearźt di Cuar lis aministrazions comunāls no ricognossin i dirits de sō int

«Che i Comuns a ricognossin e che a valorizin lis sōs Comunitāts, ingaiantlis te aministrazion direte dai Bens coletīfs»: al č vieri 6 agns l’apel de Associazion taliane pal Consei dai Comuns, des Provinciis e des Regjons da la Europe («Aiccre»). Di in chź volte, il Parlament al ą fat buine la leē statāl che e stabilģs il ricognossiment plen dai Bens coletīfs e la autonomie des Comunitāts te sō gjestion (168/2017), ma la Regjon Friūl-V. J. e tantis Aministrazions comunāls a son ancjemņ fermis tal «An zero».
A son daūr a paidīlu, tocjadis sul rūt de cjār, lis Comunitāts di Clavaiis, di Culine, di For Disot, di Liariis, di Nearźt di Cuar e di Tombe. E, parie cun lōr, dutis chźs altris Comunitāts che a vivin in chei 93 Comuns dulą che nancje l’aciertament dai Bens coletīfs al č stāt ultimāt, cundut che il procediment burocratic al č comenēāt tai timps dal Fassio (mediant de leē 1766/1927).
La Comunitāt che e spiete di plui timp e je chź di Nearźt di Cuar, tal Comun di Cosean. Dal 2012, i Frazioniscj si son inacuarzūts che il Consorzi di bonifiche «Ledra-Tagliamento», daspņ dal riordenament fondiari, al veve metūt in dite dal Comun lis proprietāts de Comunitāt. Dopo di vź denunziāt il fat, chei di Nearźt si saressin spietāts une corezion subitanie, invezit... A sun di vitis, la clape dai «Amīs dal Pasc», che e rapresente i Frazioniscj, e ą rivāt adore di persuadi il sindic Valerio Del Negro a pretindi la conclusion dal aciertament, ma la pratiche inviade dal 2016 dal Comissari pai ūs civics no je ancjemņ no sierade.
Dismenteāts dal 2014 incą e tradīts des istituzions a son ancje i Frazioniscj di Baseie, di Tredul e di Vīc, tal Cjanāl dal Tiliment. Za fa 4 agns, a vevin fat protocolā li dal Comun di For Disot la domande di votā il Comitāt pe aministrazion dai Bens coletīfs. Di in chź volte, cun dut che il fat al č stāt segnalāt in Regjon, in Procure e in Prefeture, la cuistion e je ferme. Par blocā dut, al ą bastāt un befel dal sindic Marco Lenna, dulą che al pandeve la sō interpretazion juridiche dal concet di «Frazion» e la sō conclusion «che l’ente deputato ad amministrare i beni di uso civico č solo e solamente il Comune». Ni Procure, ni Prefeture e nancje il Comissari regjonāl pai ūs civics no ąn mai pandūt un judizi public sul parź dal sindic. E compagn e ą fat la Politiche regjonāl.
Comunitāts che no rivin a votā il so Comitāt frazionāl par colpe des Aministrazions comunāls a son ancje chź di Culine, tal Comun di For Davōtri, e chźs di Liariis e di Clavaiis, tal Comun di Davār.
Par Clara Vidale, che e vuide la aministrazion dal For, chei di Culine, cun dut che a spietin dai 23 di Avrīl dal 2015, no ąn di votā parcč che, seont jź, al č miōr lā viers la «agregazion dai servizis»; parcč che la «costituzion dal Comitāt pe aministrazion separade di Culine e causionarčs la costituzion di altris aministrazions separadis», tes Frazions di For, di Davōtri, di Frassenźt e di Sighiet; e parcč che la gjestion comunitarie dai boscs coletīfs e compuartarčs «l’anulament des jentradis garantidis de proprietāt incidint negativementri sui belanēs dal Comun».
A Davār, al someave che la situazion e podčs filā plui slisse, dal moment che e esist bielzą une Aministrazion frazionāl, votade di agns e agnorums, te Frazion di Davaste. Ma il Comun, vuidāt di Mara Beorchia, al ą decidūt di meti la cuistion tes mans dai uficis regjonāi, dulą che a son tacāts a saltā fūr mil parźs, al pont che un al dubite su la sentence dal Comissari pai ūs civics, dopo che e je stade confermade di une ricognizion tecniche, finanziade de Regjon e costade passe 14 mil euros, e chel altri al scrupule che «al vedi di esisti un numar minim di popolazion resident par podź procedi cu lis votazions»...
Ancje la cuistion di Tombe e je viere. Ma, tal cās di chź Comunitāt, la sensibilitāt e la colaborazion dal Comun (vuidāt prin di Andrea Cecchini e po di Massimo Moretuzzo) e ą permetūt di superā tant l’ostruzionisim dal Comissari pai ūs civics che chel de burocrazie regjonāl. Cuant che di Triest, vie pal 2013, a ąn improibīt la votazion dal Comitāt previodūt de leē 278/1957, i Frazioniscj a ąn decidūt di meti sł «La Vicinie di Tombe», cul compit di aministrā la proprietāt coletive, e la Aministrazion comunāl le ą ricognossude, tal rispiet dai principis costituzionāi di partecipazion e di sussidiarietāt, anticipant il spirt de leē 168/2017: «I bens di proprietāt coletive e i bens cjamāts di dirits di ūs civic a son aministrāts dai ents che a rapresentin lis coletivitāts titulārs».

Mario Zili

«I Comuni riconoscano le proprie Comunitą e i loro usi e valorizzino le Comunitą stesse, coinvolgendole nell’amministrazione diretta dei Beni civici»: risale a 6 anni fa l’appello dell’Aiccre, associazione italiana per il consiglio dei Comuni, delle Province e delle Regioni d’Europa. Da allora, il Parlamento ha approvato la legge statale che sancisce il pieno riconoscimento dei Domini collettivi e l’autonomia gestionale delle Comunitą (168/2017), ma la Regione Friuli-V. G. e tante Amministrazioni comunali sono ancora ferme all’“Anno 0”.
Quest’arretratezza di Regione e Comuni la stanno soffrendo sulla propria pelle le Comunitą di Clavais, Forni di Sotto, Liariis, Nogaredo di Corno e Tomba e, insieme a loro, tutte quelle altre Comunitą disseminate nei 93 Comuni dove non č stato ultimato nemmeno l’accertamento dei Beni collettivi previsto dalla legge statale 1766/1927, varata durante il Fascismo.
La Comunitą che aspetta da pił tempo č quella di Nogaredo di Corno, in Comune di Coseano. Nel 2012, i Frazionisti si sono accorti che il Consorzio di bonifica “Ledra Tagliamento”, effettuato il riordino fondiario, aveva intestato al Comune le proprietą della Comunitą. Dopo aver denunciato il misfatto, la popolazione di Nogaredo si aspettava una tempestiva correzione, invece… A forza d’insistere, l’associazione “Amīs dal Pasc”, in rappresentanza della Comunitą, č riuscita a convincere il sindaco Valerio Del Negro a pretendere la conclusione dell’accertamento dei Beni, ma la pratica avviata nel 2016 dal Commissario agli Usi civici non č ancora giunta a termine.
Dimenticati dal 2014 e traditi dalle istituzioni sono anche i Frazionisti di Baseglia, Tredolo e Vico, nella Valle del Tagliamento. Quattro anni orsono, hanno protocollato in municipio, a Forni di Sotto, la domanda per eleggere il proprio Comitato per l’amministrazione separata dei Beni collettivi. Da allora, nonostante le ripetute segnalazioni in Regione, in Procura e in Prefettura, la pratica č ferma.
Per bloccare il procedimento č bastato un pronunciamento del sindaco Marco Lenna nel quale esprimeva la sua personale interpretazione giuridica del concetto di “Frazione” e la conclusione che «l’ente deputato ad amministrare i beni di uso civico č solo e solamente il Comune». Né la Procura né la Prefettura e nemmeno il Commissario regionale agli Usi civici si sono espressi ufficialmente sul parere del sindaco.
E allo stesso modo si č comportata la Politica regionale.
Comunitą che non riescono a eleggere il proprio Comitato frazionale per colpa delle rispettive Amministrazioni comunali sono anche quelle di Collina di Forni Avoltri e di Liariis e Clavais di Ovaro.
Secondo Clara Vidale, che guida l’Amministrazione di Forni Avoltri, la Comunitą di Collina, anche se aspetta dal 23 aprile 2015, non deve votare perché č preferibile «l’aggregazione dei servizi»; perché «la costituzione del Comitato per l’amministrazione separata di Collina porterebbe di conseguenza alla costituzione di altre amministrazioni separate», nelle Frazioni di Avoltri, Forni, Frassenetto e Sigilletto; e perché la gestione comunitaria dei boschi collettivi comporterebbe «il conseguente azzeramento delle entrate proprie derivanti dalla proprietą andando a incidere negativamente sui bilanci comunali futuri».
Sembrava che ad Ovaro le cose potessero filare lisce, dal momento che in quel Comune esiste gią un’Amministrazione frazionale, eletta regolarmente da molti anni, nella Frazione di Ovasta. Ma il Comune giudato da Mara Beorchia ha deciso di rimettere la questione nelle mani della burocrazia regionale, la quale ha iniziato ad elaborare pareri su pareri, Cosicché c’č chi mette in dubbio il Bando del Commissario, nonostante sia stato confermato da una Ricognizione tecnica, finanziata dalla Regione stessa e costata oltre 14 mila euro, e c’č chi ipotizza che possa esistere «un numero minimo di popolazione residente per poter procedere all’indizione delle elezioni per la costituzione del Comitato frazionale».
Anche il caso di Tomba č datato. Ma, nel caso di quella Comunitą, la sensibilitą e la collaborazione del Comune (guidato prima da Andrea Cecchini e poi da Massimo Moretuzzo) ha consentito di superare sia l’ostruzionismo del Commissario agli Usi civici sia quello della burocrazia regionale.
Quando nel 2013, da Trieste č giunto il divieto di indire le votazioni del Comitato previsto dalla legge statale 278/1957, i Frazionisti hanno deciso di costituire “La Vicinie di Tombe”, con il compito di gestire la proprietą collettiva della Comunitą e l’Amministrazione comunale l’ha riconosciuta, nel rispetto dei principi costituzionali di partecipazione e di sussidiarietą, anticipando lo spirito della legge 168/2017: «I beni di proprietą collettiva e i beni gravati da diritti di uso civico sono amministrati dagli enti esponenziali delle collettivitą titolari».