Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Novembar dal 2017
 
23 settembre 2017: il taglio del nastro del nuovo Centro civico “Sarvâs”

Il presidente dei Beni civici di San Gervasio di Carlino, Gisberto Mian
Cronache della Festa regionale della Proprietà collettiva 2017
IMPEGNO INSTANCABILE E GRATUITO
L’intervento del presidente Gisberto Mian all’ingaurazione del Centro civico “Sarvâs”

[Gisberto Mian, presidente Beni civici di San Gervasio]
La Festa regionale della Proprietà collettiva 2017 si è svolta il 23 e il 24 settembre a San Gervasio di Carlino, in occasione del 40° dell’Amministrazione Beni civici della piccola Comunità della Bassa.
In quell’occaione, è stato inaugurato il Centro civico frazionale e sono stati premiati i 21 Amministratori che si sono impegnati del Comitato di amministrazione dei Beni collettivi.
Il significato della manifestazione e i tratti salienti dei primi 40 anni di vita dell’Amministrazione separata di San Gervasio sono stati delineati dal presidente Gisberto Mian nell’intervento introduttivo al convegno “I Beni di Uso Civico: Comuni e Comunità ripensano insieme lo sviluppo del territorio”.


Signori sindaci di Carlino, San Giorgio di Nogaro, Muzzana e Marano, signor presidente del Coordinamento regionale della Proprietà collettiva, amici delle realtà titolari di Beni collettivi, cittadini tutti, un fervido saluto ed un grazie per essere oggi presenti a questa nostra festa.
Una festa che il Coordinamento regionale, guidato dal presidente Luca Nazzi, ha voluto, per dare ancor più risalto al quarantennale di istituzione dell’Amministrazione Separata Beni Civici di San Gervasio, avvenuta il 26 giugno 1977 con l’elezione del primo Comitato di gestione, inserirla nel più ampio contesto della Festa regionale della Proprietà collettiva.
Un saluto particolare poi al sindaco di Carlino di quel lontano 1977 e cioè il geometra Alberto Perfetti ed al suo successore Gianfranco Mizzau, che abbiamo il piacere di ospitare e di rendere partecipi di quanto e di quale cammino abbia fatto l’Amministrazione frazionale in questi quattro decenni.
In questi quarant’anni (dal 1977 al 2017) si sono avvicendati 9 Comitati di gestione con 21 Amministratori che stasera andremo a premiare. I 5 presidenti che si sono succeduti (dai compianti Gino Codarin e Rialdo Comuzzi, per proseguire con Dino Zulian e Carlo Bottò fino al sottoscritto) si sono impegnati in maniera instancabile e gratuita non solo per difendere i diritti ed i Beni frazionali ma anche per incrementarli e renderli più in sintonia con le esigenze della Comunità.
I rapporti con le Amministrazioni comunali, a parte alcuni pochi frangenti, sono stati improntati sempre alla reciproca correttezza; con l’insediamento dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Diego Navarria, poi, si è instaurato anche un proficuo rapporto di collaborazione che ha permesso fra l’altro: - di riassegnare all’Amministrazione frazionale la Straordinaria Amministrazione (nel 2010); - di riacquistare la titolarità della donazione fatta alla Frazione da parte del signor Munaretto (nel 2010); - di sanare con reciproca soddisfazione il caso Ambulatorio, costruito con proventi derivati da alienazione di Beni civici di San Gervasio ma edificato su un terreno comunale (nel 2015).
In questi anni, il patrimonio dell’Amministrazione, ammontante nel 1977 a 53 ettari di terreni agricoli, è stato progressivamente incrementato grazie all’acquisizione, nel 1992, di un’area di 9 mila mq adiacente il centro abitato dove viene realizzato un Parco utilizzato per le manifestazioni frazionali.
Tale area viene ulteriormente incrementata grazie a due donazioni di privati, avvenute nel 2002 e nel 2013, che portano così l’insediamento a raggiungere i 20 mila mq.
Nel 2016, acquisita la proprietà delle ex Scuole grazie all’accordo già citato relativo all’Ambulatorio, l’Amministrazione restaura tale edificio per adibirlo a Centro civico frazionale ed acquista da un privato, la signora Paola Diamante che ringraziamo per la sensibilità dimostrata, un’area adiacente per creare una zona di parcheggio. Un grazie a tutti i volontari che hanno lavorato gratuitamente per rendere possibile tutto ciò, a cominciare da Roberto, Ermes, Primo, Marina, Paola e via via tutti gli altri.
Nel 2017 viene ultimata la costruzione di un prefabbricato al servizio delle attività ricreative del Parco.
Ecco abbiamo elencato fatti, tappe raggiunte, cose realizzate in questi 40 anni dall’Amministrazione Separata Beni Civici di San Gervasio.
Ci è sembrato allora opportuno nel contesto dell’inaugurazione del Centro civico Sarvâs, in questa sala, che ai meno giovani, ricorda gli anni dell’infanzia, di organizzare una tavola rotonda dal titolo quantomai attuale e cioè: “I Beni di Uso Civico: Comuni e Comunità ripensano insieme lo sviluppo del territorio”. A questa iniziativa hanno dato la loro adesione i sindaci Diego Navarria (Carlino), Pietro Del Frate (San Giorgio di Nogaro), Cristian Sedran (Muzzana del Turgnano) e Devis Formentin (Marano Lagunare), con le conclusioni di Luca Nazzi (presidente del Coordinamento regionale della Proprietà Collettiva Friuli-V. G).
Ci auguriamo che la tavola rotonda possa offrire l’occasione per un approfondimento serio e costruttivo sulla realtà della Proprietà collettiva nel nostro territorio, territorio che, come noto, evidenzia delle interessanti peculiarità che vanno dall’insediamento delle due uniche Amministrazioni Separate Frazionali della Bassa Friulana (San Gervasio in Comune di Carlino e Villanova in quello di San Giorgio di Nogaro), al particolare contesto della gestione diretta di boschi e terreni di uso civico (Muzzana), fino alla intricata materia relativa all’uso ed alla proprietà della Laguna (Marano).
Dal canto nostro siamo convinti, confortati anche dall’esperienza che si è maturata qui a San Gervasio, che solo un corretto rapporto fra Amministrazioni comunali e quelle chiamate a rappresentare le istanze delle Comunità ed ad amministrare i Beni delle stesse può dare il giusto slancio per pensare e progettare insieme uno sviluppo sostenibile e partecipato del nostro territorio. Grazie.