Jentrade / Articui / La Vicìnia
Jentrade/Gnovis
  Leams/Links
"La Vicìnia"
Lui dal 2016
 

Il 2 luglio è in programma a Ostana il 2° summit della “Carovana delle Alpi” di “Legambiente”
PER UNA GESTIONE CONDIVISA E COMUNITARIA DEL TERRITORIO
Gli Assetti fondiari collettivi saranno rappresentati dalla Asbuc di Andonno e dal Coordinamento regionale friulano

[M. Z.]
La presidente dell’Amministrazione separata dei Beni di uso civico di Andonno (Cuneo), Daniela Risso, e il portavoce del Coordinamento regionale delle proprietà collettive del Friuli-V. G., Luca Nazzi, sabato 2 luglio, saranno fra i protagonisti del secondo summit della “Carovana delle Alpi” di “Legambiente”.
Il convegno si svolgerà alle 9 alle 18, presso il Centro polifunzionale e culturale “Lou Pourtoun” del paese occitano di Ostana, in provincia di Cuneo e affronterà il tema: “Il reinsediamento in montagna tra riordini amministrativi e gestione del territorio” (www.piccolagrandeitalia.it).


I lavori del secondo summit della “Carovana delle Alpi” di “Legambiente” saranno aperti da Giacomo Lombardo, sindaco di Ostana, il Comune occitano “Bandiera verde” 2005 e “Premio Angelo Vassallo” 2015 alle ore 9 di sabato 2 luglio. Dopo i saluti dei rappresentanti regionale e locale di “Legambiente”, Fabio Dovana ed Elisabetta Roberti, introdurrà il tema “Il reinsediamento in montagna tra riordini amministrativi e gestione del territorio” Vanda Bonardo, responsabile italiana “Alpi Legambiente”.
In mattinata saranno affrontati i seguenti argomenti: “Il riordino fondiario e la proprietà privata” e “Cooperative di comunità e reti di imprese nella filiera del legno”.
Sulla prima questione interverranno: Francesco Pastorelli, direttore Cipra Italia; Enrico Raina, Settore economia montana della Regione Piemonte; Anna Giorgi, direttrice del Centro studi applicati per la gestione sostenibile e la difesa della montagna dell’Università di Milano, ed Emanuela Zilio, ricercatrice presso lo stesso centro accademico; Paolo Salsotto, presidente del Parco Alpi Marittime; Gianfranco Marengo, presidente del Parco del Monviso; e i portavoce dell’Associazione fondiaria “Ritorno ai prati”.
Per affrontare il tema delle “Cooperative di comunità e reti di imprese nella filiera del legno” sono stati invitati a Ostana Andrea Ferretti, delle Reti di imprese e sostenibilità del legno; la Società Chintana, sviluppo e finanza di progetto; Paolo Scaramuccia, responsabile nazionale del progetto Cooperative di comunità di “Legacoop”; Enrico Fontana, responsabile di “Economia Civile” della segreteria di “Legambiente”.
I lavori del pomeriggio saranno introdotti alle 14.30 dall’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte, Giorgio Ferrero. Si svolgerà successivamente una tavola rotonda intitolata “Per una gestione condivisa e comunitaria del territorio”. Moderati dalla giornalista di “Rai 3” Claudia Apostolo, parteciperanno Luca Nazzi del Coordinamento regionale delle proprietà collettive del Friuli-V. G.; Daniela Risso, presidente dell’Amministrazione separata dei Beni di uso civico di Andonno; Simone Rimondi, consigliere comunale di Valsamoggia (Bo); Luca Beccaria, consigliere comunale di Camagna
Monferrato (Al); Lido Riba, presidente di “Uncem” Piemonte; Giacomo Lombardo, sindaco di Ostana; ed Enrico Borghi, presidente di “Uncem”.
Le conclusioni saranno affidate a Vanessa Pallucchi della segreteria di “Legambiente”.
Il summit di Ostana è promosso da “Legambiente” e dal Comune, con il patrocinio del Consiglio regionale del Piemonte. Durante i lavori, verrà organizzato uno scambio di semi e piccole piante di orticole autoctone.


Sulla rete sono disponibili le seguenti presentazioni dell’appuntamento del 2 luglio

ALPI. Il 2 luglio summit a Ostana

Reinsediamento in zone di montagna tra riordini amministrativi e gestione del territorio, questo il focus del 2 luglio a Ostana, dove la rete per la montagna smart e green si ritrova per il secondo anno per rappresentare, raccontare, fare rete e dare forza a quelle realtà che faticosamente e con orgoglio cercano di riemergere in montagna, anche con nuove forme di protagonismo.
Torna, dopo il successo del primo summit nazionale, che ha riunito le Bandiere verdi di Carovana delle Alpi nel luglio 2015 a Mendatica (IM), il secondo Summit delle Bandiere Verdi di Carovana delle Alpi che per il 2016 Legambiente ha organizzato a Ostana (CN), in collaborazione con il comune di Ostana (bandiera verde 2005 e premio Angelo Vassallo 2015).
L'iniziativa durerà tutta la giornata e sarà suddivisa in una mattinata incentrata soprattutto sul riordino fondiario necessario per porre rimedio ad una situazione dove la proprietà privata costituisce un ostacolo per la collettività soprattutto laddove sono possibili reinsediamenti di popolazione giovanile e sulle buone pratiche di cooperative di comunità e di reti di imprese soprattutto in riferimento alla filiera del legno.
Il pomeriggio sarà invece dedicato ad un confronto tra posizioni differenti sul riordino degli enti locali e gli effetti concreti nella promozione dello sviluppo in zone di montagna.
Una lettura che andrà oltre gli aspetti prettamente legislativi per affrontare i riflessi sugli aspetti socioculturali delle popolazioni alpine. Condizione indispensabile per un reale buon governo del territorio.

www.piccolagrandeitalia.it/notizie/alpi-il-2-luglio-summit-ostana


Sabato 2 luglio 2016 si svolgerà a Ostana (Cuneo) il Secondo Summit di Carovana delle Alpi di Legambiente, che tratterà il tema de: Il reinsediamento in montagna tra riordini amministrativi e gestione del territorio

L’iniziativa, promossa da Legambiente e dal comune di Ostana, con il patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, si svolgerà presso il Centro Polifunzionale e Culturale Lou Pourtounore dalle 9.00 alle 18.00 e vedrà la partecipazione di numerosi enti impegnati nella promozione e nello sviluppo dei centri montani.
Insieme a Uncem, Legambiente, Cipra Italia, Parco delle Alpi Marittime, Parco del Monviso, e molte altre associazioni e cooperative, ci sarà anche l’Università della Montagna, rappresentata da Anna Giorgi ed Emanuela Zilio, a riconferma del fatto che Unimont collabora ed è presente in tutte le aree alpine dove la montagna è risorsa e non svantaggio.
Il centro Universitario d’Eccellenza “Università della Montagna” è un innovativo centro di formazione e di ricerca, specializzato nello studio e nell’analisi delle complessità del territorio montano, che nasce sulla base dell’accordo di programma tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e l’Università degli Studi di Milano.
Nella seconda parte della giornata interverranno infatti amministratori regionali e comunali portando esempi virtuosi di aree montane che, Come Ostana, partendo dalle proprie radici sono riuscite a ribaltare la tendenza allo spopolamento, dando nuova vita e nuovo futuro alle terre alte.

www.unimontagna.it/secondo-summit-di-carovana-delle-alpi-il-reinsediamento-montagna/

Dal sito del Centro studi e documentazione sui demani civici e le proprietà collettive dell’Università di Trento si può scaricare la locandina con il programma dettagliato dell’evento (http://www.usicivici.unitn.it/newsletter/news.aspx)